Roma, 3 giu. (askanews) – Si intitola “Mattanza” è la mostra fotografica di Giovanni De Angelis (in scena a Carloforte, in Sardegna, fino al 31 agosto) che racconta con passione un rito antico di uomini che vanno per mare e dalle loro barche calano immense reti in attesa della loro preda: il tonno.

Attratto dal fascino dell’evento che si svolge al largo di Carloforte, nell’Isola di San Pietro (Sardegna), il fotografo
De Angelis sale anche lui a bordo di una delle “bastarde”, le imbarcazioni utilizzate dai tonnarotti, da dove cattura con la sua macchina fotografica ogni attimo della grandiosa impresa: la chiusura delle reti che imprigionano i tonni, la lotta tra uomini e pesci nella “camera della morte”, quando l’acqua si tinge di rosso carminio e il sacrificio si rinnova.
E poi il ritorno a terra, dove i tonni vengono lavorati a mano e a filo di coltello.

Nasce così “Mattanza”, un viaggio per immagini, un atto d’amore che celebra l’antico mestiere della pesca del tonno cosi come veniva realizzata in passato, pilastro fondamentale dell’identità storica della comunità di Carloforte. “Mattanza” è anche un libro edito Imago Edizioni con testi di Federico Quaranta e Stefano Rombi, Sindaco di Carloforte e poesie di Federico Quaranta.

Artista e fotografo napoletano, De Angelis vive e lavora a Roma, con una vasta esperienza nel campo della fotografia d’arte moderna e contemporanea. Collabora attivamente con musei,
gallerie, artisti e istituzioni nazionali e internazionali. Ha realizzato numerosi progetti fotografici, mostre e monografie, e ha pubblicato servizi fotografici sulle principali riviste
nazionali ed estere. Docente di fotografia al corso triennale Bachelor of Arts presso DAM (Digital Arts & Media Academy), è fondatore del portale web Artimages, specializzato nel
campo della fotografia d’arte.