Roma, 2 giu. (askanews) – La Lega attacca il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il giorno della Festa della Repubblica e scatena una bufera. Tutto parte da un post del senatore leghista Claudio Borghi, che in realtà ‘confonde’ le parole del presidente Mattarella contenute in un messaggio inviato ieri ai prefetti. In quel messaggio ai prefetti Mattarella aveva espresso l’auspicio “che la ricorrenza del 2 giugno rafforzi la consapevolezza e l`orgoglio della partecipazione, prerogativa di ciascun cittadino”, ribadendo: “Fare memoria del lascito ideale di quegli avvenimenti fondativi è dovere civico e preziosa opportunità per riflettere insieme sulle ragioni che animano la vita della nostra collettività”, un pensiero questo che si lega all’appuntamento imminente delle elezioni europee: nell’ambito della “più ampia comunità dell`Unione Europea cui abbiamo deciso di dar vita con gli altri popoli liberi del continente e di cui consacreremo, tra pochi giorni, con l’elezione del Parlamento Europeo, la sovranità”.
Ovvero è il voto per le elezioni del Parlamento europeo che consacra la sovranità europea.

Ma il leghista Borghi, oggi posta: “È il 2 giugno, è la festa della Repubblica italiana. Oggi si consacra la sovranità della nostra nazione. Se il Presidente pensa davvero che la sovranità sia dell’Unione europea invece dell’Italia, per coerenza dovrebbe dimettersi, perché la sua funzione non avrebbe più senso”.

Un post rilanciato dal vicepremier Matteo Salvini: “Oggi è la festa degli italiani e della Repubblica, non della sovranità europea”, ha sottolineato il leader della Lega, intervistato a In mezz’ora su Rai 3. “Penso all’Europa come un insieme di Stati sovrani, liberi e indipendenti, che mettono insieme delle energie. Ma la sovranità nazionale è fondamentale. Oggi – ha aggiunto Salvini – si festeggia la Repubblica italiana, non l’Unione europea delle multinazionali e finanziata da Soros: non mi arrenderò mai a un super Stato europeo dove comandano i soldi”, ha chiosato il leader del Carroccio.

Dura la condanna delle opposizioni.
“Le parole del senatore della Lega Claudio Borghi chiudono il cerchio di un attacco alla figura del Presidente della Repubblica che ha inizio con la legislatura a maggioranza di destra. Non basta il progetto del Premierato, ora l`attacco esplicito passa per la richiesta di dimissioni della persona più rappresentativa dell`unità nazionale e dello spirito di coesione. Un segnale gravissimo nella giornata della Repubblica. Salvini, leader dello stesso partito e vicepremier, anziché coprire le parole Borghi dovrebbe condannarle senza ambiguità”, così in una nota Chiara Braga, capogruppo Pd alla Camera dei Deputati.

“L’attacco di Claudio Borghi al Presidente della Repubblica è inaccettabile ed inqualificabile.
La Lega si scusi per queste parole inopportune e irriguardose nei confronti di Sergio Mattarella garante dell`Unità nazionale ed eletto, lo ricordo, anche con il voto della Lega”, afferma il presidente di Noi Moderati Maurizio Lupi.

“L`endorsement di Salvini al tweet del leghista Borghi in cui viene avanzata la richiesta di dimissioni di Sergio Mattarella rappresenta un attacco eversivo da parte del vicepremier del Governo Meloni al Capo dello Stato nel giorno in cui si celebra la Festa della Repubblica, i cui valori sono incarnati proprio dal Presidente della Repubblica”.
Lo afferma il segretario di +Europa, Riccardo Magi, commentando il tweet di Borghi e la risposta data da Salvini sulla questione.

“Mattarella come sempre ha espresso parole sagge e di autentica ispirazione democratica sul collocamento dell`Italia, Paese fondatore dell`Ue e che solo nel contesto europeo può proteggere i propri interessi nazionali. E non riconoscere questo, vuol dire non riconoscere il valore dei trattati su cui si fonda l’Unione europea e al contempo non riconoscersi nella Costituzione italiana che sancisce proprio il valore sovraordinato di quei trattati. Che questo sia visto come un oltraggio da parte del leader del secondo partito di maggioranza è allarmante e preoccupa che questa posizione possa essere condivisa dalla premier Meloni che, a questo punto, deve esprimere delle parole chiare e deve farlo in Parlamento. Proprio su questo si giocano le prossime europee: tra chi vuole +Europa come noi degli Stati Uniti d`Europa, e chi vuole meno Europa, come Salvini, Vannacci e Meloni. Da parte nostra, massima solidarietà al presidente Mattarella, che rappresenta una guida per tutti gli italiani”.

“Le parole di Matteo Salvini che `coprono` invece di condannare quelle del senatore Claudio Borghi sono lì a dimostrare, e non ce ne era certo bisogno, la forza eversiva delle forze sovraniste. Nella giornata che festeggia la nostra Repubblica attaccare, in modo strumentale, il Presidente della Repubblica e chiederne le dimissioni vuol dire non rispettare le nostre istituzioni e il garante dell`unità nazionale”, afferma il presidente dei senatori del Pd Francesco Boccia.

“Ma l`unità nazionale non è certo la priorità di una forza come la Lega che pensa a candidare personaggi come Vannacci e a proporre l`autonomia differenziata cara a Calderoli. Noi invece ci riconosciamo nelle parole alte del Presidente della Repubblica, che sono una stella polare per le nuove generazioni del nostro Paese che credono nell`Ue e in una vera sovranità europea. Sovranità europea che è l`unica speranza contro i nazionalismi. Su questo la destra deve decidere da che parte stare: o con l`Europa o con le peggiori pulsioni nazionaliste. È evidente che Salvini e la Lega devono essere abbastanza disperati per arrivare a cercare di lucrare qualche voto in più nell`estrema destra sovranista per arrivare ad attaccare in questo modo Sergio Mattarella. Vorremmo sapere, e ci aspettiamo una presa di distanza netta e forte, cosa pensa Giorgia Meloni delle parole dei suoi alleati”, conclude Boccia.