Roma, 7 feb. (askanews) – Si svolgerà a Roma a fine febbraio e precisamente il 27, 28 e 29 febbraio, un nuovo tra le parti per il rinnovo del Contratto nazionale di lavoro dell’industria alimentare. E’ quanto emerso al termine della riunione plenaria svoltasi a Roma e durate tra giorni. Il contratto è scaduto a novembre 2023 e riguarda oltre 400mila addetti.

Il confronto si è aperto, spiega la Fai-Cisl in una nota, con l’adesione al contratto, rinnovato nel 2020, anche da parte delle tre associazioni che non lo avevano firmato, Assalzoo, Assocarni e Italmopa, ricompattando così il fronte datoriale che risulta ora composto da tutte le 14 associazioni del settore.

Sono stati approfonditi tutti i punti della piattaforma sindacale. Per quanto riguarda la parte economica è stato convenuto un incremento di 214 euro sul Tem (trattamento economico minimo). Resta aperta la discussione sulle altre componenti del salario, sul welfare e su alcuni temi normativi.