Dubai, 2 giu. (askanews) – La Iata, l’Associazione internazionale del trasporto aereo (Iata) ha annunciato che istituirà il Registro per accelerare l’adozione di carburanti per l’aviazione sostenibili (Saf), contabilizzando e riportando in modo autorevole le riduzioni delle emissioni da Saf. Diciassette compagnie aeree, sei autorità nazionali, tre produttori di apparecchiature originali (OEM) e un produttore di carburante stanno già sostenendo lo sforzo per sviluppare il Registro. Il lancio del registro, è stato annunciato a Dubai nel corso dell’80esimo Iata Agm, è previsto per il primo trimestre del 2025.

Si prevede che il Saf rappresenti fino al 65% della mitigazione totale delle emissioni di carbonio necessaria per raggiungere le emissioni nette di carbonio nel trasporto aereo entro il 2050.
“Il Saf è fondamentale per la decarbonizzazione dell’aviazione. Le compagnie aeree vogliono più Saf e sono pronte a utilizzarne ogni goccia. Il Registro Saf contribuirà a soddisfare le esigenze critiche di tutte le parti interessate nell’ambito dello sforzo globale per aumentare la produzione di Saf. I governi hanno bisogno di un sistema affidabile per tracciare la qualità e le quantità di Saf utilizzate. I produttori di Saf devono rendere conto con precisione di ciò che è stato consegnato ed effettivamente decarbonizzato. I clienti aziendali devono essere in grado di rendere conto in modo trasparente delle loro emissioni Scope 3. E le compagnie aeree devono avere la certezza di poter rivendicare i benefici ambientali del Saf acquistato. Il Registro risponderà a tutte queste esigenze. Così facendo, il Registro contribuirà a creare un mercato globale del SAF, assicurando che le compagnie aeree abbiano accesso al SAF ovunque venga prodotto e che i produttori di SAF abbiano accesso alle compagnie aeree indipendentemente dalla loro ubicazione”, ha dichiarato Willie Walsh, Direttore Generale della Iata.

Ampia portata geografica: Il Registro consentirà alle compagnie aeree di acquistare Saf indipendentemente dal luogo di produzione. Gli attributi ambientali certificati di ogni lotto possono essere tracciati e assegnati alla compagnia aerea acquirente. Assicurando che gli attributi ambientali del SAF siano correttamente registrati e trasferiti tra le parti, le compagnie aeree e i loro clienti possono comunicare con precisione le riduzioni delle emissioni, allineandosi agli obblighi di rendicontazione e agli standard internazionali.

Ampia applicazione e neutralità: Il Registro sarà neutrale rispetto alle normative, ai tipi di Saf e a qualsiasi altra specificità prevista dalle giurisdizioni e dai quadri normativi pertinenti, rendendolo in grado di gestire tutte le esigenze degli utenti. In qualità di iniziatore, Iata sta lavorando con le organizzazioni di certificazione e i produttori di carburante per standardizzare i dati per un’elaborazione efficiente.

Conformità normativa: Il Registro aiuterà le compagnie aeree a soddisfare regolamenti come il Carbon Offsetting Reduction Scheme for International Aviation (Corsia) e l’Emissions Trading Scheme dell’Ue, assicurando la conformità ai mandati Saf e fornendo trasparenza alle autorità per quanto riguarda la riduzione delle emissioni.

Il Registro garantirà che i principi di contabilità e rendicontazione Saf concordati dal settore siano rispettati e pienamente in linea con i protocolli internazionali e le migliori pratiche del settore. Fornirà garanzie contro il doppio conteggio e le doppie dichiarazioni e assicurerà l’immutabilità e l’integrità di tutti gli interventi nell’ambito del Registro.

Governance: Una governance indipendente garantirà l’imparzialità e la solidità del sistema.

Efficienza dei costi: La partecipazione al registro avverrà sulla base del recupero dei costi per evitare di aggiungere inutili ostacoli all’avvio del Saf.

Molteplici soggetti interessati: Il Registro è stato sviluppato in consultazione con compagnie aeree, autorità governative, organizzazioni internazionali produttori e fornitori di carburante, aeroporti e società di gestione dei viaggi aziendali.

Un elemento chiave e unico tra gli stakeholder del progetto è la partecipazione dei governi, con l’obiettivo specifico di garantire la conformità ai requisiti delle autorità dell’aviazione civile. Le autorità competenti possono convalidare e approvare rapidamente le richieste, aggiornare gli inventari nazionali delle emissioni e allineare le loro azioni agli standard internazionali, come quelli stabiliti dall’Organizzazione internazionale dell’aviazione civile (Icao).