La Cassazione restringe la portata dell’affidamento del contribuente
6 Febbraio 2024
Codacons contro Chiara Ferragni: “Risposta a Pigna arrogante e contraria alle disposizioni di legge”
6 Febbraio 2024

VIDEO | Maxi tamponamento sull’A12 tra Rapallo e Chiavari, un morto e feriti: autostrada chiusa

GENOVA – Maxi tamponamento sull’autostrada A12 Genova-Sestri Levante, all’altezza del chilometro 37, tra Rapallo e Chiavari, in direzione di Sestri Levante, poco dopo le 7 di stamattina. Secondo le prime informazioni ci sarebbero almeno un morto e diversi feriti, di cui alcuni molto gravi.

Il tratto autostradale è stato temporaneamente chiuso (uscita obbligatoria Rapallo) e il traffico nella zona è bloccato. Intervenuti i Vigili del fuoco, l’elisoccorso, il personale del 118, della Polizia stradale e di Aspi, concessionaria della tratta.

La vittima è un operaio del Bangladesh del 1981, che viaggiava su un furgone insieme ad altri otto operai di diverse nazionalità, che stavano andando al lavoro allo stabilimento Fincantieri di Sestri ponente. La dinamica è ancora in fase di accertamento, ma secondo le prime ricostruzioni il mezzo avrebbe sbandato autonomamente e si sarebbe schiantato contro il muro che delimita la carreggiata. I viaggiatori si sono allontanati dal mezzo che, dopo lo schianto, ha perso diversi detriti. Uno di questi detriti avrebbe causato un secondo incidente a un’altra auto che, successivamente, avrebbe colpito mortalmente l’uomo. Nell’incidente sono state coinvolte anche altre vetture e ci sarebbero almeno nove feriti, di cui due gravi, trasportati in elicottero all’ospedale San Martino di Genova, e otto non in pericolo di vita, trasportati al pronto soccorso di Lavagna. Tra questi ultimi, già dimessa una donna in gravidanza.

L’articolo VIDEO | Maxi tamponamento sull’A12 tra Rapallo e Chiavari, un morto e feriti: autostrada chiusa proviene da Agenzia Dire.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it

continua a leggere sul sito di riferimento