Russo: “Atti concreti per il rilancio del commercio napoletano”
25 novembre 2010
Dylan, 100 foto e 100 canzoni
27 novembre 2010

“Non gettiamo questa vita”, un viaggio nella terza età

"Non gettiamo questa vita", edizioni CentoAutori, di Anna Maria Gargiulo, è il volume che sarà presentato sabato 27 novembre,  a Napoli, ore 17, presso l'Auditorium della Basilica di San Pasquale a Chiaia. Un diario frutto dell'esperienza vissuta, quale direttrice di una casa albergo per anziani, nel mondo della terza età. Quello degli "ultimi", anziani spesso poveri e senza famiglia, che ritrovano, grazie all'attività di operatori sociali e volontari, un sorriso, un tetto, una ragione di vita.

“Non gettiamo questa vita”, edizioni CentoAutori, di Anna Maria Gargiulo, è il volume che sarà presentato sabato 27 novembre,  a Napoli, ore 17, presso l’Auditorium della Basilica di San Pasquale a Chiaia. Un diario frutto dell’esperienza vissuta, quale direttrice di una casa albergo per anziani, nel mondo della terza età. Quello degli “ultimi”, anziani spesso poveri e senza famiglia, che ritrovano, grazie all’attività di operatori sociali e volontari, un sorriso, un tetto, una ragione di vita. L’autrice, laureata in Scienze del servizio sociale all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, componente del direttivo Uneba, nonché mediatore sistemico-relazionale, racconta “un diario di smarrimenti e speranze, abbandoni e rimorsi, identità perdute e storie quasi inverosimili, dove viene condivisa una medesima povertà, la mancanza d’amore”. Da sfondo, c’è Napoli, le strade del malessere sociale, la crisi dei meccanismi socio-sanitari, la supplenza del volontariato. A San Pasquale a Chiaia presenteranno il libro, dopo il saluto di padre Luigi Ortaglio, vicario provinciale dei Frati Minori e Tobia Iodice, edizioni CentoAutori, i professori Natale Gaspare De Santo e Asciaraf Virmany, il presidente Aima Campania Caterina Musella, quello Uneba Campania Lucio Pirillo e per l’esperienza del “Binario della solidarieta’” suor Caterina Esposito. Modera Mario Esposito, direttore del Premio Penisola Sorrentina.
I proventi della vendita del libro saranno devoluti in beneficenza.