Angelo e Ileana coronano il sogno della loro vita
28 giugno 2013
Callejon, vicina la firma con il Napoli
29 giugno 2013

“Il sussurro di Vico Pensiero”: la presentazione da Loffredo

Martedì 2 luglio 2013 alle ore 18,00 presso Loffredo Libreria in via Kerbaker, 19/21 a Napoli sarà presentato il libro "Il sussurro di Vico Pensiero" dell'autrice partenopea Tina Cacciaglia, noir basato sui misteri e le superstizioni della città di Napoli.
Con l’Autrice interviene lo scrittore Maurizio Ponticello, letture dell'attrice Brunella Caputo, modera la dottoressa Corinne Bove

Martedì 2 luglio 2013 alle ore 18,00 presso Loffredo Libreria in via Kerbaker, 19/21 a Napoli sarà presentato il libro “Il sussurro di Vico Pensiero” dell’autrice partenopea Tina Cacciaglia, noir basato sui misteri e le superstizioni della città di Napoli.
Con l’Autrice interviene lo scrittore Maurizio Ponticello, letture dell’attrice Brunella Caputo, modera la dottoressa Corinne Bove

“Povero pensiero me fu arrubbato, pe no le fare le spese me l’ha tornato”.

Così recita la lapide posta a vico Pensiero, secondo una leggenda popolare, da un giovane poeta innamorato. Una strega dai lunghi capelli neri e dagli occhi ammalianti, lo sedusse con teneri sorrisi e dolci parole. A lui si concesse con la devozione di una sposa, finché non ci fu più un frammento d’anima da rubargli ancora. Nel Palazzo San Severo a Napoli, la bellissima nobildonna Maria d’Avalos venne uccisa dal marito, il principe Carlo Gesualdo, insieme all’amante: era la notte tra il 16 e il 17 ottobre del 1590. Si narra che il suo fantasma vaghi ancora nell’oscurità delle notti napoletane. Fantasmi e leggende del passato. La vita di Adriana s’incrocia con l’antica storia della nobildonna Maria d’Avalos e del suo amante e con quella contemporanea di Elena, una collega di studi trovata morta con in gola della saggina di cui sono fatte le scope delle streghe. Adriana si addentra in una Napoli a lei sconosciuta, nei rioni appartenenti alla camorra, e assieme al fidanzato, un tormentato Commissario di Polizia, inizia una indagine che la porterà a scoprire una vera e propria città nella città, immersa in antiche tradizioni, incarnate da personaggi come
Costanzo ‘o Scartellato, che parla con i morti del Cimitero delle Fontanelle, o Maria ‘a Putecara, che legge le carte e scaccia il malocchio. Un viaggio negli inferi che è un autentico giallo tra coinvolgenti intrecci in una Napoli popolata da fantasmi e superstizioni, immersa nell’occulto, nei misteri e nelle sue contraddizioni.

L’autrice

Tina Cacciaglia è nata a Napoli, laureata in Sociologia svolge l’attività di Conciliatrice Professionista, oltre a interessarsi da diversi anni di scrittura ed editoria. Ha pubblicato diversi articoli per riviste quali L’isola, il Giornale di Cava, Il Vescovado. Una sua favola è stata letta a Radio Rai Due ed è arrivata finalista al concorso Parole in Corsa con un brano pubblicato in antologia. Ha partecipato a Torino al Perfect Day della Scuola Holden, organizzato da Alessandro Baricco, con un breve brano, pubblicato dal quotidiano Il Denaro e dalla rivista Grazia. Il romanzo storico “La Signora della Marra”, di cui è una delle due autrici, è stato segnalato dalla giuria del Premio Calvino 2009 come degno di merito, e pubblicato da Concilia Form (2013). Sempre nel 2009 ha vinto il primo premio Creatività e scienza, città di Salerno con un racconto di fantascienza storica pubblicato in antologia.
Nel concorso nazionale Io scrittore 2011 “Il sussurro di Vico Pensiero” è risultato tra i vincitori e pubblicato in ebook dal Gruppo Mauri Spagnol nel marzo 2012.

 

Comments are closed.