Insigne–Immobile insieme al Napoli?
6 aprile 2013
O’ Sang ‘e chi t’è Vip II edizione: giornata cittadina per la donazione del sangue
8 aprile 2013

Outing, fidanzati per sbaglio

"Outing, fidanzati per sbaglio" è un film scritto, diretto e montato da Matteo Vicino, racconta la storia di due giovani amici, Riccardo di 31 anni che è un aspirante stilista che non riesce a sfondare nel campo della moda e Federico, suo coetaneo, eterno disoccupato. I due partecipano ad un bando per ottenere dei finanziamenti europei alla regione Puglia per giovani imprenditori, ma solo in un secondo momento si rendono conto che il progetto a cui vogliono partecipare è solo per le coppie di fatto, e così, l'unico modo per parteciparvi sarà quello di fingersi una coppia gay, per realizzare il sogno di Riccardo, ovvero quello di aprire un atelièr di moda.

“Outing, fidanzati per sbaglio” è un film scritto, diretto e montato da Matteo Vicino, racconta la storia di due giovani amici, Riccardo di 31 anni che è un aspirante stilista che non riesce a sfondare nel campo della moda e Federico, suo coetaneo, eterno disoccupato. I due partecipano ad un bando per ottenere dei finanziamenti europei alla regione Puglia per giovani imprenditori, ma solo in un secondo momento si rendono conto che il progetto a cui vogliono partecipare è solo per le coppie di fatto, e così, l’unico modo per parteciparvi sarà quello di fingersi una coppia gay, per realizzare il sogno di Riccardo, ovvero quello di aprire un atelièr di moda. I due amici però dovranno dimostrare di essere una coppia a tutti gli effetti. Il film da un lato racconta le difficoltà che incontrano i giovani ragazzi in un mondo che non dà loro opportunità, sopratutto al sud Italia, dall’altro lato si lascia trasportare dal fascino della farsa, dalla battuta gratuita. Matteo Vicino, con leggerezza, cerca di andare oltre le etichette imprigionate nelle categorie maschili e femminili, con uno sguardo da commedia. L’autore parte da uno spunto originale negli intenti, ma si è finito per avere sullo schermo dei ritratti di maschi e femmine, eterosessuali e omosessuali che scadono negli stereotipi, quegli stessi stereotipi che si voleva dissacrare. Peccato per il cast che prometteva bene, composto da Nicolas Vaporidis, Andrea Bosca, Massimo Ghini, Claudia Potenza, Giulia Michelini. Nonostante tematiche importanti, la narrazione si perde in episodi superflui, questioni irrisot, situazioni appena accennate. Nel complesso “Outing” è un film che fa sorridere, pecca però di mancanza di originalità e novità, inserendosi a pieno titolo nella schiera dei tanti prodotti cinematografici uguali a se stessi che circolano sul nostro grande schermo da vent’anni a questa parte.

Margherita Diurno

Comments are closed.