Confcommercio, Salvatore Trinchillo entra a far parte del Consiglio direttivo di Napoli e provincia
1 marzo 2011
Si rifiutò di guidare un automezzo non a norma, reintegrato operaio Ugl
2 marzo 2011

Obama: “Non attacchiamo ancora la Libia”

Mentre Gran Bretagna e gli alleati della Nato stanno progettando di inviare aerei da guerra in Libia e armi ai ribelli per abbattere il regime del colonnello Muammar Gheddafi, arriva la frenata Usa.  Il presidente americano, Barack Obama, torna a condannare le violenze e la repressione ma appare più cauto su un intervento militare. Proseguono frenetici i contatti con gli altri leader occidentali.
Le forze fedeli a Muammar Gheddafi, intanto, hanno attaccato la città di Misurata, a Est di Tripoli, controllata dall’opposizione e hanno ucciso almeno due persone e ferito gravemente una terza.

“E’ decisamente prematuro” – dice l’ambasciatrice Usa all’Onu, Susan Rice – “parlare di coinvolgimento militare della Nato e di altre organizzazioni internazionali per la Libia”.
Mentre Frattini, riguardo una possibile ‘sosta’ di Gheddafi in Italia, ha dichiarato: “Non esiste alcuna possibilità che l’Italia possa concedere una sorta di asilo a Muammar Gheddafi. E’ un’idea che non prendiamo neanche in considerazione”.