Dieci lavori da rivalutare, senza la laurea
31 Luglio 2013
Il decreto del fare rilancia la mediazione
31 Luglio 2013

Nuove occasioni di finanziamento per le pmi

Nuove occasioni di finanziamento per le start up e le piccole e medie imprese. L’Unione Europea, infatti, ha previsto un budget di circa 100 milioni allo scopo di promuovere l’innovazione, lo sviluppo di servizi digitali e le applicazioni software. L’iniziativa rientra nello sviluppo della Future Internet Public-Private-Partnership. “L’obiettivo dell’Unione Europea – spiega Andrea Vetromile, direttore di Vetromile & Partner – è di valorizzare quelle imprese in grado di portare innovazione tramite lo sviluppo di applicazioni e servizi digitali, in particolare relativi a trasporti, salute, smart manufacturing, energia e media”.

Nuove occasioni di finanziamento per le start up e le piccole e medie imprese. L’Unione Europea, infatti, ha previsto un budget di circa 100 milioni allo scopo di promuovere l’innovazione, lo sviluppo di servizi digitali e le applicazioni software. L’iniziativa rientra nello sviluppo della Future Internet Public-Private-Partnership. “L’obiettivo dell’Unione Europea – spiega Andrea Vetromile, direttore di Vetromile & Partner – è di valorizzare quelle imprese in grado di portare innovazione tramite lo sviluppo di applicazioni e servizi digitali, in particolare relativi a trasporti, salute, smart manufacturing, energia e media”.

L’obiettivo è colmare il divario con le nazioni concorrenti. “L’Italia – sottolinea Vetromile – è in ritardo sia per quanto concerne la forza lavoro, dove siamo al 3% contro il 6% delle nazioni più competitive in questo ambito, sia in termini di alfabetizzazione informatica media, dove siamo fermi al di sotto del 20%, quando la media dell’Unione Europea si attesta attorno al 25%”.
I fondi dell’Unione Europea saranno distribuiti sul territorio nazionale a circa mille imprese attraverso l’ausilio di venti consorzi che comprenderanno acceleratori di impresa, piattaforme di crowdfunding, società di capitale di rischi, organismi di finanziamento regionali, associazioni di piccole e medie imprese. I consorzi vincitori saranno selezionati in base alle modalità con cui intendono massimizzare l’impatto economico dei fondi nell’ecosistema Internet.
“I servizi e le applicazioni si baseranno sulle tecnologie sviluppate nell’ambito del programma di partenariato pubblico-privato, avviato nel 2011 per aiutare le imprese e i governi a trarre il massimo vantaggio dalla rivoluzione informatica. L’obiettivo è quello di rendere più efficienti i processi aziendali attraverso una maggiore integrazione con la rete”.
Inoltre, l’Ue interviene a sostegno dei finanziamenti alle pmi per facilitarne l’avvio o lo sviluppo della loro attività tramite il programma quadro per la competitività e l’innovazione, i cui fondi sono utilizzati per garantire prestiti alle piccole e medie imprese. Queste somme sono erogate da una serie di intermediari finanziari attivi nel settore del credito a queste tipologie di imprese.
Per poter beneficiare del programma, conclude Vetromile, una pmi “deve avere meno di 250 dipendenti, un fatturato inferiore a 50 milioni di euro e/o un totale dello stato patrimoniale inferiore a 43 milioni di  euro, e rientrare nei parametri UE per che definiscono cosa sono le piccole e medie imprese”.

 

Comments are closed.