Arriva il garante per gli animali?
5 Ottobre 2012
Abusi edilizi nel Parco del Gargano: cinque arresti
6 Ottobre 2012

Napoli ko a Eindhoven, che sconfitta!

Napoli cosa ci combini, questa volta una sconfitta netta, palese, pesante per gli uomini di Mazzarri. La scelta delle seconde linee si fa sentire, non può andarci sempre bene diceva qualcuno. Troppi rischi e in Europa tutto questo lo paghi caro Mister.
Una notte Olandese che farà riflettere tecnico e società tutta, forse, sono stati sopravalutati molti calciatori, eravamo convinti di avere delle buone riserve quasi titolari, ma siamo stati travolti.
I tifosi partenopei sono delusi, giocarsi l’Europa cosi in malo modo non va bene, una brutta figura europea scotta, i mille tifosi arrivati a sostegno torneranno a Napoli con tanto amaro in bocca.

Napoli cosa ci combini, questa volta una sconfitta netta, palese, pesante per gli uomini di Mazzarri. La scelta delle seconde linee si fa sentire, non può andarci sempre bene diceva qualcuno. Troppi rischi e in Europa tutto questo lo paghi caro Mister.
Una notte Olandese che farà riflettere tecnico e società tutta, forse, sono stati sopravalutati molti calciatori, eravamo convinti di avere delle buone riserve quasi titolari, ma siamo stati travolti.
I tifosi partenopei sono delusi, giocarsi l’Europa cosi in malo modo non va bene, una brutta figura europea scotta, i mille tifosi arrivati a sostegno torneranno a Napoli con tanto amaro in bocca.
Molti davano il Psv squadra forte ma battibile, metti che per tutta la gara l’intensità e la velocità delle azioni è stata assolutamente imbarazzante, il Napoli non teneva il passo, i ragazzi arrivavano sempre secondi sulla palla, mancava quella fame di vittoria che caratterizza molte volte questa società. Donadel, Dzemaili ed El Kaddouri non tenevano assolutamente la mediana, troppi schemi saltati, troppi contrasti persi, mister Mazzarri ci prova con modifiche tattiche, ma ormai la gara è stata compromessa.
Uno stravolgimento troppo enorme per una squadra poco abituata ad affidarsi a giovani e seconde linee troppo lontane da gli schemi collaudati dei titolatissimi di Mazzarri.

Giuseppe Montagna

Comments are closed.