Calabria: Guccione (Pd), allagamento scavi Sibari si poteva evitare
25 gennaio 2013
Sibilio solo non basta. Il Napoli Dream Team perde 3 a 2 contro il Prater Club
28 gennaio 2013

Lincoln

Il nuovo film di Steven Spielberg racconta le vicende del più amato presidente degli Stati Uniti, Abraham Lincoln. La storia è incentrata sopratutto su come il presidente pose fine alla schiavitù, liberando gli schiavi. L'approvazione del 13° emendamento della Costituzione degli Stati Uniti d'America in discussione alla Camera dei Rappresentanti richiese una dura battaglia da parte del Presidente nell'ambito di una devastante guerra civile. Il film tratta il problema più importante della storia d'America e del resto del mondo, tutte le scene sono pervase da questa continua lotta, sottile battaglia politica, fatta di riflessioni, discussioni e compromessi. Lincoln vive una vita infelice a livello familiare, ma è esempio di tenacia e perseveranza, di profonda fede nelle proprie convinzioni.  Dopo un inizio un po' lento e di difficile digestione, l'opera decolla mettendo a confronto le diverse personalità del sistema politico americano, rappresentando le grandi passioni che muovono parti avverse tra di loro, ma anche rappresentando la loro meschinità. Nel film il discorso politico e la sua valenza sociale e civile sono il fulcro principale dell'operazione. Una lezione di storia di grandissimo impatto.

Il nuovo film di Steven Spielberg racconta le vicende del più amato presidente degli Stati Uniti, Abraham Lincoln. La storia è incentrata sopratutto su come il presidente pose fine alla schiavitù, liberando gli schiavi. L’approvazione del 13° emendamento della Costituzione degli Stati Uniti d’America in discussione alla Camera dei Rappresentanti richiese una dura battaglia da parte del Presidente nell’ambito di una devastante guerra civile. Il film tratta il problema più importante della storia d’America e del resto del mondo, tutte le scene sono pervase da questa continua lotta, sottile battaglia politica, fatta di riflessioni, discussioni e compromessi. Lincoln vive una vita infelice a livello familiare, ma è esempio di tenacia e perseveranza, di profonda fede nelle proprie convinzioni.  Dopo un inizio un po’ lento e di difficile digestione, l’opera decolla mettendo a confronto le diverse personalità del sistema politico americano, rappresentando le grandi passioni che muovono parti avverse tra di loro, ma anche rappresentando la loro meschinità. Nel film il discorso politico e la sua valenza sociale e civile sono il fulcro principale dell’operazione. Una lezione di storia di grandissimo impatto.

Sicuramente smuove il senso critico delle persone riproponendo discorsi di cronaca di quasi centocinquanta anni fa ma ancora attualissimi. Più che un film  biografico su uno dei Presidenti più importanti nella storia degli Stati Uniti, è un’invocazione al recupero della centralità della politica. Con l’aiuto della sceneggiatura scritta da Kusher, il regista ci invita dunque dentro un grande romanzo. L’impresa, tentata e superata, è una questione di giustizia e politica universale.  Nonostante la durata di due ore e mezza, il film è godibile grazie al magnifico affresco, che Spielberg fa, degli ultimi mesi di vita di uno dei personaggi chiave che hanno contribuito a plasmare forse più di ogni altro la democrazia americana.

Margherita Diurno

 

Comments are closed.