Stai lontana da me
9 Dicembre 2013
Luciano De Crescenzo alla Fondazione Vico
9 Dicembre 2013

Le fonti rinnovabili di energia: sfide ed opportunità

"Le fonti rinnovabili di energia: sfide ed opportunità" se ne parla nell'evento in programma mercoledì 11 dicembre, ore 15.30, a Cassino presso l'Aula Magna di Ingegneria, organizzato, in collaborazione con FareAmbiente Campania, Cassino e Frosinone, dalla Commissione Didattica di Ingegneria Elettrica - DIEI, Università di Cassino e del Lazio Meridionale, coordinata dal prof Fabio Villone, presidente del Gruppo Nazionale Elettrotecnica; dall'AEIT, presieduta per Cassino dal prof. Andrea Bernieri; Consorzio CREATE.  Secondo seminari dedicati all'Ambiente, su temi di grande attualità - il precedente dedicato all'inquinamenti elettromagnetico con i proff Rita Massa, Domenico Capriglione e Antonio Maffucci - vede gli interventi dei priff: A. Sanseverino @Il fotovoltaico"; F Marignetti "Generatori eolici: il difficile cammino verso i 20 MW"; A. Losi: "Le Smart-Grids per lo sviluppo delle fonti rinnovabili". Di seguito, una parte dedicata agli studenti; poi le discussioni. Partecipano i responsabili di FareAmbiente: dott. Monica Lautieri per Cassino, dott. Massimo Scarpetta per Frosinone ed una delegazione del Coordinamento della Campania, guidato dall'avv Francesco Della Corte.

“Le fonti rinnovabili di energia: sfide ed opportunità” se ne parla nell’evento in programma mercoledì 11 dicembre, ore 15.30, a Cassino presso l’Aula Magna di Ingegneria, organizzato, in collaborazione con FareAmbiente Campania, Cassino e Frosinone, dalla Commissione Didattica di Ingegneria Elettrica – DIEI, Università di Cassino e del Lazio Meridionale, coordinata dal prof Fabio Villone, presidente del Gruppo Nazionale Elettrotecnica; dall’AEIT, presieduta per Cassino dal prof. Andrea Bernieri; Consorzio CREATE.  Secondo seminari dedicati all’Ambiente, su temi di grande attualità – il precedente dedicato all’inquinamenti elettromagnetico con i proff Rita Massa, Domenico Capriglione e Antonio Maffucci – vede gli interventi dei priff: A. Sanseverino @Il fotovoltaico”; F Marignetti “Generatori eolici: il difficile cammino verso i 20 MW”; A. Losi: “Le Smart-Grids per lo sviluppo delle fonti rinnovabili”. Di seguito, una parte dedicata agli studenti; poi le discussioni. Partecipano i responsabili di FareAmbiente: dott. Monica Lautieri per Cassino, dott. Massimo Scarpetta per Frosinone ed una delegazione del Coordinamento della Campania, guidato dall’avv Francesco Della Corte.

Prenotazioni: villone@unicas.it
“La figura dell’ingegnere elettrico si inserisce con successo in fondamentali tematiche in ambito tecnologico, economico e sociale: questo ciclo di seminari punta a presentare importanti e moderne applicazioni dell’Ingegneria elettrica in campo ambientale e ad offrire un concreto servizio di orientamento agli studenti interessati ad affrontare tali studi specifici” – afferma Fabio Villone.
“Le tematiche che affrontiamo sono legate al mondo delle impresa: dalle auto elettriche e ibride, ai superconduttori, all’elettronica di potenza e nanoelettrica, alle fonti energetiche rinnovabili, quali eolico e solare, al risparmio energetico e, ancora, l’automazione, l’inquinamento elettromagnetico” – sottolinea Andrea Bernieri.
“Gli interessi in tema ambientale della Scuola di Ingegneria elettrica di Cassino, sono per noi fondamentali: senza è impossibile immaginare lo sviluppo della nostra società, l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro, la tutela della salute” – dichiara Massimo Scarpetta.
“Ingegneria Elettrica di Cassino ha raggiunto livelli qualitativi altissimi in Italia – sottolinea Monica Lautieri – Da questo rapporto di collaborazione con FareAmbiente, contiamo che nascano altre iniziative di grande spessore”.
Eccellente secondo I risultati della Valutazione Qualità Ricerca VQR 2004-2010, pubblicata da ANVUR, Ingegneria Elettrica di Cassino, nonostante il periodo difficile per il sistema universitario come per la Nazione, presidia la frontiera della ricerca, su temi di importante attualità e rilevanza per lo sviluppo economico e sociale. Svariate le opportunità che offre agli studenti: preparazione approfondita su tematiche all’avanguardia, laboratori attrezzati, moderni e funzionali, opportunità di sviluppare le attività in un contesto di livello altissimo; possibilità di utilizzare collegamenti nazionali ed internazionali con altri atenei, aziende ed enti di ricerca per tesi, periodi di studio, stage, tirocini. Non ultimo, un proficuo rapporto tra docenti e studenti improntato alla massima disponibilità per una ottimale preparazione che fa del laureato in Ingegneria elettrica un professionista particolarmente richiesto dal mercato.

Floriana Stile

 

Comments are closed.