Aumentano le vittime del crollo del balcone durante la festa di San Ciro
7 maggio 2013
Serie A, la 36.ma giornata
9 maggio 2013

La giornata del riscatto

Il riscatto della gara di andata. Il Napoli si riprende i 3 punti contro l’Inter nel suo fortino con il largo punteggio di 3-1. Una gara emozionante e ricca di azioni. Il primo tempo parte subito fortissimo grazie al alla rete del vantaggio azzurro siglata dal solito Matador Cavani, che al 2’ concretizza di destro un perfetto passaggio filtrante di Pandev. Poi inizia lo “sperpero” dei palloni. Hamsik e Pandev sciupano una dopo l’altra una decina di occasioni per il raddoppio finché un piccolo contrasto in area tra Zuniga ed Alvarez non dà ai nerazzurri la possibilità del rigore. Alvarez dal dischetto non fallisce. De Sanctis tocca ma non riesce a bloccare. Ma Zuniga al 32’ si fa perdonare l’ingenuità che è costata il pareggio. Atterrato in area da Jonathan il colombiano regala un penalty agli azzurri. Neanche Cavani sbaglia e mette a segno il suo goal numero 100 con la casacca azzurra.

Il riscatto della gara di andata. Il Napoli si riprende i 3 punti contro l’Inter nel suo fortino con il largo punteggio di 3-1. Una gara emozionante e ricca di azioni. Il primo tempo parte subito fortissimo grazie al alla rete del vantaggio azzurro siglata dal solito Matador Cavani, che al 2’ concretizza di destro un perfetto passaggio filtrante di Pandev. Poi inizia lo “sperpero” dei palloni. Hamsik e Pandev sciupano una dopo l’altra una decina di occasioni per il raddoppio finché un piccolo contrasto in area tra Zuniga ed Alvarez non dà ai nerazzurri la possibilità del rigore. Alvarez dal dischetto non fallisce. De Sanctis tocca ma non riesce a bloccare. Ma Zuniga al 32’ si fa perdonare l’ingenuità che è costata il pareggio. Atterrato in area da Jonathan il colombiano regala un penalty agli azzurri. Neanche Cavani sbaglia e mette a segno il suo goal numero 100 con la casacca azzurra. Il secondo tempo è senz’altro più lento del primo, anche se non mancano belle azioni, come quella al 21’ in cui Pandev mette un cross basso dalla sinistra per il Matador, che di esterno destro tira ma senza centrare la porta. Solo 10 minuti più tardi, al 32’ arriva la rete che chiude definitivamente il match. Cavani ruba palla a metà campo, serve Pandev sulla sinistra mentre Hamsik arriva al centro. Cavani dalla destra intercetta il cross del macedone ed in scivolata segna la rete 101 della sua storia azzurra. Ora Diego dista solo 14 reti.
Il Napoli raggiunge i 72 punti in campionato, superando i 70 della stagione 2010-2011. Il prossimo obiettivo è quello di superare lo score del Napoli di Maradona. Insomma questa squadra vuole davvero battere tutti i record della sua storia ed a quanto pare ci sta proprio riuscendo!

Gennaro Mettivier

Comments are closed.