I consiglieri Idv a de Magistris: “La rivoluzione è morta”
23 maggio 2013
Napoli, è tempo di bilanci
25 maggio 2013

Inquinamento: l’Anci chiede un incontro con il ministro Orlando

"Un incontro per illustrare la posizione dei Comuni e di chi li governa sulle diverse, delicate e importanti tematiche ambientali": lo chiedono il presidente facente funzione dell'Anci Alessandro Cattaneo e il delegato all'ambiente dell'Associazione, Tommaso Sodano, in una lettera inviata al ministro dell'Ambiente, Andrea Orlando. "Ci riferiamo in particolar modo - scrivono i due esponenti Anci - alla qualità del vivere nelle nostre Città, ad iniziare dalla persistente situazione di inquinamento atmosferico, cui si aggiunge quello acustico per il quale l'Italia è stata recentemente messa in mora dalla Commissione Europea, oltre che all'approvvigionamento delle risorse idriche, alla tutela dell'integrità del territorio e al dissesto idrogeologico".

“Un incontro per illustrare la posizione dei Comuni e di chi li governa sulle diverse, delicate e importanti tematiche ambientali”: lo chiedono il presidente facente funzione dell’Anci Alessandro Cattaneo e il delegato all’ambiente dell’Associazione, Tommaso Sodano, in una lettera inviata al ministro dell’Ambiente, Andrea Orlando. “Ci riferiamo in particolar modo – scrivono i due esponenti Anci – alla qualità del vivere nelle nostre Città, ad iniziare dalla persistente situazione di inquinamento atmosferico, cui si aggiunge quello acustico per il quale l’Italia è stata recentemente messa in mora dalla Commissione Europea, oltre che all’approvvigionamento delle risorse idriche, alla tutela dell’integrità del territorio e al dissesto idrogeologico”. “Saremmo anche lieti – aggiungono – di entrare nel merito delle opportunità offerte dalle possibilità di risparmio sulla bolletta energetica dei Comuni, grazie al miglioramento delle prestazioni energetiche degli edifici pubblici e delle reti di illuminazione pubblica, come anche della possibilità di diffondere buone pratiche, ad iniziare dalla mobilità e dal turismo sostenibili”.

Adriano Esposito

Comments are closed.