La musica in 150 anni d’Italia
30 dicembre 2010
Rifiuti, una nuova discarica nel Nolano
5 gennaio 2011

Il messaggio del prefetto De Martino alla città di Napoli

A giorni nella città di Napoli ed in provincia sarà regolarizzata la raccolta dei rifiuti.
Durante questi ultimi quattro mesi di dura esperienza, gli enti territoriali,  per la prima volta dopo anni, hanno gestito l’emergenza rifiuti, al di fuori di qualsiasi intervento  commissariale.  Il dato di cui non ci si può non compiacere, nonostante le non lievi criticità vissute,  è la stretta collaborazione, sul piano tecnico,  della  Regione, della Provincia e dei Comuni e la solidarietà istituzionale manifestata dalle altre Province della Campania.

A giorni nella città di Napoli ed in provincia sarà regolarizzata la raccolta dei rifiuti.
Durante questi ultimi quattro mesi di dura esperienza, gli enti territoriali,  per la prima volta dopo anni, hanno gestito l’emergenza rifiuti, al di fuori di qualsiasi intervento  commissariale.  Il dato di cui non ci si può non compiacere, nonostante le non lievi criticità vissute,  è la stretta collaborazione, sul piano tecnico,  della  Regione, della Provincia e dei Comuni e la solidarietà istituzionale manifestata dalle altre Province della Campania. Su questa strada e con la stessa determinazione occorrerà proseguire anche nell’anno che ci attende, tenuto conto che le difficoltà maggiori riguarderanno l’esaurimento, previsto a metà anno  2011, delle discariche di Terzigno e di Chiaiano.
Le aspettative maggiori dei cittadini riguardano sì il ripristino di condizioni di regolarità del ciclo dei rifiuti, ma anche l’esigenza di risposte ai problemi occupazionali che gravano anche sulla provincia di Napoli.
Al riguardo, confido molto acchè  il piano straordinario per il lavoro messo in campo dalla Regione Campania possa contribuire ad alleviare quanto prima le forti tensioni sociali del momento.
E ciò consentirà anche migliori condizioni nella gestione dell’ordine pubblico.
Su questo piano come su quello della sicurezza continuo a constatare il forte impegno delle forze dell’ordine che fa registrare la flessione del numero complessivo di reati, sul territorio provinciale, pari a 21,82% rispetto al dato dell’anno precedente.
E, tuttavia la partita non potrà considerarsi ancora vinta finchè, al di la dei successi maturati nella lotta alla criminalità comune ed a quella organizzata, non saranno conseguiti concreti risultati – come quelli raggiunti su piazza Garibaldi e via Toledo – nel contesto della  sicurezza e del degrado urbano.
Napoli, nonostante quanto si continua a dire, resta una grande ed unica città alla cui tutela, seppur su diversi livelli di responsabilità, ciascuno, ogni cittadino, è chiamato a contribuire per garantirne una sempre maggiore vivibilità.
Ai responsabili delle Istituzioni ed ai cittadini tutti, l’augurio più sincero per il nuovo anno.