Bonelli: “Dl su Ilva è golpe”
29 novembre 2012
L’Aima Cive protagonista per la pace in Medio Oriente
5 dicembre 2012

Goal e spettacolo contro il Pescara

Il campionato è sempre più entusiasmante con Napoli e Juventus che si contendono lo scudetto: solo due i punti che separano le due squadre.

Il campionato è sempre più entusiasmante con Napoli e Juventus che si contendono lo scudetto: solo due i punti che separano le due squadre.
Il Napoli tiene alta la testa “massacrando” per 5-1 tra le mura amiche il Pescara di Bergodi. Si parte subito forte con gli azzurri che già al 9’ vanno in vantaggio con un potente tiro di esterno da fuori area di Inler ed al 15’ raddoppiano grazie ad una bella sortita di Insigne sulla sinistra, che si trasforma in una serie di rimpalli in area pescarese dominati da Hamsik, il quale dopo un bel sombrero  mette la palla alle spalle di Perin. Il Pescara è completamente nel pallone fino al 18’, quando imbastiscono la prima azione e segnano grazie ad un colpo di testa di Bjarnason. È lì che il Napoli inizia ad indietreggiare e lo fa fino ai primi minuti del secondo tempo. Ma una candidata allo scudetto non può temere una candidata alla retrocessione. Quindi il Matador prende la squadra per mano e la conduce alla vittoria. Al 12’ si fa atterrare in area avversaria da Bocchetti e guadagna l’espulsione del difensore biancazzurro ed il calcio di rigore che lui stesso realizza dal dischetto. La gara è nuovamente nelle mani del Napoli. Al 18’ con un’azione tutta di prima il fuoriclasse partenopeo sigla la doppietta con la complicità di un assist di Hamsik. Dopodiché un rigore negato per parte. A mettere il punto ad una partita di fatto già archiviata è lo svizzero Inler, che al 33’ raccoglie un pallone spazzato via  e tira di destro preciso sul primo palo per il quinto goal napoletano. Partita indubbiamente semplice, ma di tanto in tanto ci vuole anche questo: un po’ di goal e spettacolo.

Gennaro Mettivier

Comments are closed.