Duraccio: Ridurre la pressione fiscale e contributiva
20 maggio 2013
Qua la zampa… mi presento! Il mio nome è Bang!
21 maggio 2013

Finale stonato

Ultima di campionato per due squadre che oramai non hanno più nulla da chiedere a questa competizione. Un Napoli appagato dal raggiungimento del secondo posto ed una Roma che attende la finale di Coppa Italia per dimostrare la sua capacità di vincere ancora ed entrare in Europa dalla porta secondaria.

Ultima di campionato per due squadre che oramai non hanno più nulla da chiedere a questa competizione. Un Napoli appagato dal raggiungimento del secondo posto ed una Roma che attende la finale di Coppa Italia per dimostrare la sua capacità di vincere ancora ed entrare in Europa dalla porta secondaria. La partita è tuttavia bella da guardare e non sembra affatto disputata da due formazioni disinteressate. Nei primi minuti gli azzurri perdono Pandev per infortunio causato da un fallo (non fischiato dall’arbitro) del romanista Burdisso nel tentativo di fermare il macedone nella sua corsa verso la porta giallorossa. Al suo posto entra El Kaddouri. I partenopei vanno subito vicino al gol grazie ad una ghiotta occasione sciupata da Cavani, che solo davanti a Lobont non centra la porta. Poco dopo Hamsik tenta un tiro dal limite ed alcuni cross non concretizzati dalla squadra. La Roma prende le misure all’avversario e si fa vedere nella zona di Rosati con una punizione dal limite calciata da Pjanic e mandata sulla traversa dal portiere partenopeo.  Il primo tempo si chiude sullo 0-0. Nella seconda frazione la Roma va sul doppio vantaggio. La prima rete arriva grazie ad un potente tiro dal limite del brasiliano Marquinho, che trafigge a destra l’incrocio dei pali di Rosati. Il secondo è invece un’azione di Destro, che entra in area tra Cannavaro e Rolando e tira un sinistro a giro che, sebbene sfiorato dal portiere azzurro, termina in rete e segna il 2-0. Ma c’è sempre il Matador, che al 27’ decide di riaprire la partita e mette a segno il suo goal numero 29 in campionato, insaccando un pallone di rimbalzo a porta vuota. Numeri straordinari per un campione oramai storico per Napoli. Chi lo sa se il prossimo avremo ancora il piacere di poter ammirare le sue gesta in azzurro. La partita si chiude sul 2-1: una sconfitta che stona con la stagione del Napoli, ma non incide in alcun modo.
Alla fine della gara finalmente si palesa ciò che a Napoli si chiama “il segreto di Pulcinella”, ovvero l’addio di Mazzari, oramai scontato da tempo. Ci si chiede da chi sarà sostituito, ma soprattutto si spera di non perdere presto anche.. qualcun altro.

Gennaro Mettivier

Comments are closed.