A Sorrento Pino Aprile racconta l’Unità d’Italia
8 febbraio 2011
Sesso, giovani poco soddisfatti. L’alcol tra le cause
8 febbraio 2011

Continua il Campionato invernale di vela a Napoli

Continua senza sosta la quarantesima edizione del  Campionato invernale di vela d’altura del Golfo di Napoli. La settima prova, organizzata dalle sezioni di Napoli e Castellammare di Stabia della Lega navale italiana, ha visto primeggiare nella categoria 0-2 tre X 41: Malafemmena di Giovanni Arturo Di Lorenzo, Le coq hardì di Maurizio Pavesi e Raffica Hotel Naples di Pasquale Orofino. In classe 3 invece i più veloci di giornata al termine della regata sulle boe disputata nelle acque antistanti Castel dell’Ovo sono stati Scugnizza di Vincenzo De Blasio con il velista di Coppa America Paolo Cian alla tattica, Sexy di Carlo e Marco Varrelli e L’Ottavo peccato di Angelo Pezzullo.

Continua senza sosta la quarantesima edizione del  Campionato invernale di vela d’altura del Golfo di Napoli. La settima prova, organizzata dalle sezioni di Napoli e Castellammare di Stabia della Lega navale italiana, ha visto primeggiare nella categoria 0-2 tre X 41: Malafemmena di Giovanni Arturo Di Lorenzo, Le coq hardì di Maurizio Pavesi e Raffica Hotel Naples di Pasquale Orofino. In classe 3 invece i più veloci di giornata al termine della regata sulle boe disputata nelle acque antistanti Castel dell’Ovo sono stati Scugnizza di Vincenzo De Blasio con il velista di Coppa America Paolo Cian alla tattica, Sexy di Carlo e Marco Varrelli e L’Ottavo peccato di Angelo Pezzullo.

Tra le imbarcazioni afferenti al raggruppamento 4-5 invece la classifica di giornata ha premiato Cose e pazze di Paolo Disa, Suakin di Francesco Golia e Vagamondo di Maria Raffaella Borriello, mentre in Minialtura è stata la volta di Sparviero dell’Accademia Aeronautica incalzato da White Magic di Roberto D’Angerio e Grifo dell’Accademia Aeronautica.

Il Trofeo Alberto Cian, messo in palio dalla Lega navale quale premio speciale di giornata destinato al primo classificato della categoria più numerosa, è stato vinto quindi proprio da Scugnizza con cui, per ironia della sorte, gareggiava lo stesso Paolo Cian.