Elezioni architetti: Pica Ciamarra in campo con Riordina
14 giugno 2013
Killer in Viaggio
16 giugno 2013

Confederations’ Cup – Focus su Pedro Rodriguez Ledesma

Durante questa Confederations’ Cup brasiliana si sono messi in luce molti talenti tra cui il giocatore del Barcellona Pedro, diventato oggetto dei desideri di molti top-club europei (in Italia c’è un forte interessamento del Milan). Pedro Rodriguez Ledesma nasce a Santa Cruz de Tenerife il 28 luglio 1987, in breve tempo si afferma come uno dei maggiori talenti del calcio spagnolo, diventando un punto fermo dell’attacco del Barcellona e della nazionale iberica. La storia di Pedro è fatta di duro lavoro e perseveranza con grandi difficoltà di adattamento nel primo periodo nella città catalana. Il giocatore ha infatti dovuto fare i conti con un nuova dimensione e una nuova cultura e a questo si sommarono i problemi familiari che portarono il ragazzo a considerare l’idea di lasciare il club. Alla fine però ha prevalso la voglia di combattere e di migliorare nel Barcellona.

Durante questa Confederations’ Cup brasiliana si sono messi in luce molti talenti tra cui il giocatore del Barcellona Pedro, diventato oggetto dei desideri di molti top-club europei (in Italia c’è un forte interessamento del Milan). Pedro Rodriguez Ledesma nasce a Santa Cruz de Tenerife il 28 luglio 1987, in breve tempo si afferma come uno dei maggiori talenti del calcio spagnolo, diventando un punto fermo dell’attacco del Barcellona e della nazionale iberica. La storia di Pedro è fatta di duro lavoro e perseveranza con grandi difficoltà di adattamento nel primo periodo nella città catalana. Il giocatore ha infatti dovuto fare i conti con un nuova dimensione e una nuova cultura e a questo si sommarono i problemi familiari che portarono il ragazzo a considerare l’idea di lasciare il club. Alla fine però ha prevalso la voglia di combattere e di migliorare nel Barcellona. Pedro calcisticamente deve tutto ad un uomo, uno dei migliori allenatori del calcio moderno, Josep Guardiola che lo fece esordire in prima squadra nel 2008, dopo aver superato tutta la trafila del settore giovanile. In un altro club il fisico avrebbe penalizzato il giocatore (1,69 di altezza per 64 kg), nella squadra catalana invece la taglia small si adatta perfettamente al gioco veloce e la grande tecnica sopperisce alle carenze fisiche. In maglia blaugrana ha vinto praticamente tutto e nel 2009 è diventato l’unico giocatore ad aver segnato in sei competizioni diverse nell’arco di una singola stagione. L’esordio in nazionale maggiore è targato 2010, in occasione dell’amichevole della nazionale iberica contro la Polonia, successivamente ha partecipato e ha vinto il mondiale sudafricano e l’europeo in Polonia e Ucraina. Questa brasiliana, per Pedro, è la prima Confederations’ Cup. Il giocatore spagnolo ha finora realizzato una rete, quella del vantaggio nel primo match del girone B tra Spagna e Uruguay (gara in cui è stato tra i migliori in campo). Questa sera (23 giurno) lo vedremo titolare contro la Nigeria, gara in cui Pedro dovrebbe avere molto spazio per mostrare le sue qualità.

Fabio Ferraro

Comments are closed.