Villarreal-Napoli: risse per i biglietti, due arresti
18 febbraio 2011
17 marzo festa dell’Unità: la Lega si ribella
19 febbraio 2011

Banco di Napoli in campo per lo sviluppo

Banco di Napoli e Pianoforte Holding hanno firmato oggi l’accordo relativo ad un finanziamento per un ammontare di 55 milioni di euro, erogato dall’Istituto di via Toledo alla Pianoforte Holdingl, finanziaria facente capo ai due gruppi imprenditoriali Carlino e Cimmino.
L’intervento  finanziario del Banco di Napoli  ha lo scopo di supportare la realizzazione del piano di aggregazione delle partecipazioni e sviluppo attività operative delle società Inticom Spa (Yamamay) e di Kuvera Spa (Carpisa).

Banco di Napoli e Pianoforte Holding hanno firmato oggi l’accordo relativo ad un finanziamento per un ammontare di 55 milioni di euro, erogato dall’Istituto di via Toledo alla Pianoforte Holdingl, finanziaria facente capo ai due gruppi imprenditoriali Carlino e Cimmino.
L’intervento  finanziario del Banco di Napoli  ha lo scopo di supportare la realizzazione del piano di aggregazione delle partecipazioni e sviluppo attività operative delle società Inticom Spa (Yamamay) e di Kuvera Spa (Carpisa).

Il piano industriale di sviluppo di Pianoforte Holding, condiviso dagli azionisti, prevede oltre all’ulteriore sviluppo delle reti di franchising Yamamay-Carpisa,  anche il lancio di  nuovi progetti retail ed una forte attenzione all’espansione oltrefrontiera.
A fine 2010 le due società operative detenevano una rete di oltre 1.100 punti vendita in Italia e all’estero con i marchi Carpisa e Yamamay e un organizzazione costituita da circa 1000 addetti con età media inferiore a 26 anni.
La sottoscrizione è avvenuta oggi nella sede del Banco di Napoli in Via Toledo alla presenza del Presidente di Pianoforte Holding, Luciano Cimmino, e del Direttore Generale del Banco di Napoli Giuseppe Castagna.
“Oggi vedo concretizzarsi un’idea imprenditoriale – ha commentato Luciano Cimmino – il cui seme fu posto a dimora 3 anni addietro, nella convinzione che sui mercati internazionali bisogna presentarsi con un nucleo centrale forte e di adeguate dimensioni. Con la modestia di sempre ci prepariamo ad affrontare nuove sfide alzando fin d’ora l’asticella dei nostri traguardi”.
“Siamo molto orgogliosi di affiancare, come Banco di Napoli, iniziative e progetti imprenditoriali – ha affermato Giuseppe Castagna – che mostrano la capacità di guardare al futuro partendo da quanto di meglio il Sud è in grado di esprimere”.