Appassionati in corsa per la solidarietà
28 gennaio 2011
Quinta prova dell’invernale di vela a Napoli
29 gennaio 2011

Anne Frank a fumetti

Il Giorno della memoria ogni 27 gennaio celebra la liberazione, da parte dei sovietici, di Auschwitz nello stesso giorno del 1945. Una data simbolo per ricordare la Shoah in tutti i campi di sterminio. Da quell’inferno, e più precisamente da quello di Bergen Belsen, non uscì viva Anne Frank (e sua sorella Margot), la piccola ragazza di 16 anni che grazie al suo Diario è diventata emblema dello sterminio degli ebrei europei.

Quel Diario, oltre che un eccezionale documento non solo storico ma soprattutto umano, ha avuto un successo editoriale senza precedenti. Su quel testo sono stati pubblicati innumerevoli saggi, tratto commedie, film, documentari. I due autori sono forse tra i più grandi disegnatori di fumetti e si sono cimentati ora nel raccontare la vita e la morte di Anne Frank in una graphic novel, una biografia a fumetti con l’intento di raggiungere il più vasto pubblico possibile: dai giovani a tutti coloro che preferiscono ‘vedere’ più che leggere. Ne è uscito un lavoro straordinario e commovente, impregnato di abilità comunicativa e ricostruzione storica. “La sfida di un racconto grafico della vita di Anne Frank – dice Sergio Luzzatto nella prefazione – non si presentava a priori come sfida del ‘mai visto’. Per evocare tale vita a fumetti, Sid jacobson e Ernie Colon dovevano semmai misurarsi con il problema contrario: il problema del ‘visto troppo’”. Ovvero, la sfida, di riuscire a raffigurare quei lineamenti, ultraconosciuti attraverso le fotografie, a tutti. Altro problema è stato quello di raccontare in tavole disegnate e statiche il luogo del Male per eccellenza: Auschwitz dove Anne, prima di morire a Bergen Belsen, fu rinchiusa. Quale colore scegliere, quale tratto preferire? I due autori non sono ricorsi a nulla di particolare, si sono limitati, invece, a disegnare come hanno sempre disegnato, ma a scorrere le tavole l’orrore riesce a passare lo stesso. Forse la strada è stata aperta dal topolino geniale di Art Spiegelman: quel ‘Maus’ che per primo ha disegnato la persecuzione e lo sterminio degli ebrei. Il libro racconta l’intera storia di Anne Frank,a partire dall’incontro e dal matrimonio dei genitori, e lo fa indicando, in parallelo, ciò che avveniva in Europa via via che la ragazzina procedeva negli anni: ecco la prima guerra mondiale, ecco l’incontro di Otto e Edith, ecco il loro matrimonio in Germania, ecco la nascita del nazismo, le prime affermazioni elettorali, l’arrivo al potere quando Anne ha solo tre anni. E poi via via il calvario degli ebrei tedeschi e quindi di quelli europei. La fuga in Olanda dei Frank, il loro rifugio segreto, la scrittura del Diario, la scoperta da parte dei nazisti. E ancora la deportazione, Auschwitz e la fine. Un grande omaggio ad una giovane ragazza, una grande opera per ricordare.

Maria Colorito