Oggi al Senato il vertice di maggioranza chiesto dalla Lega
6 ottobre 2010
“I misteri di Piedigrotta” conquista il Premio Rea
6 ottobre 2010

A Striano da un anno senza bollette del metano

Un anno senza ricevere le bollette del metano. Non è una promozione, anzi: per decine di famiglie di Striano rischia di essere una trappola. Quando arriveranno, le bollette potrebbero essere salatissime, proprio perché la somma da pagare sarebbe relativa ad un intero anno di consumi.

Un anno senza ricevere le bollette del metano. Non è una promozione, anzi: per decine di famiglie di Striano rischia di essere una trappola. Quando arriveranno, le bollette potrebbero essere salatissime, proprio perché la somma da pagare sarebbe relativa ad un intero anno di consumi.

A segnalare il caso è Codici Campania, il Centro per i Diritti del Cittadino che ha la sua sede regionale a San Giuseppe Vesuviano. L’associazione ha raccolto la segnalazione di alcune famiglie di Striano, che dall’attivazione del servizio di distribuzione del metano, avvenuta un anno fa, non ha mai ricevuto la bolletta.
“Nonostante le continue sollecitazioni ad Enel Energia, le famiglie di Striano non hanno mai avuto fatturazione. Da un anno, cioè dallo scorso ottobre, usufruiscono del servizio ma non pagano: non è una buona notizia per loro, perché temono che un giorno arriverà una bolletta con cifre spropositate”, spiega il segretario regionale di Codici Campania, Giuseppe Ambrosio.
L’associazione ha scritto ad Enel Energia chiedendo di sapere quando le famiglie di Striano potranno ricevere le bollette del metano e preannunciando che, in caso di fatturazione particolarmente elevata, sarà chiesta la rateizzazione.
La distribuzione pubblica del metano a Striano è partita il 30 luglio del 2009, con l’inaugurazione della rete. Ogni cittadino ha, poi, stipulato un contratto con la società di vendita della fornitura tra settembre e ottobre dello stesso anno. Quelli che, tuttavia, hanno aderito alla proposta di Enel Energia sono incappati nella spiacevole circostanza di non aver ancora ricevuto la bolletta.
“Ci auguriamo che Enel dia un segnale in tempi rapidi. I cittadini ci segnalano che al call center le risposte sono sempre vaghe: si tratta di un atteggiamento inaccettabile, per quanto ci riguarda. I cittadini hanno diritto ad avere certezze, soprattutto quelli che intendono pagare”, conclude Ambrosio.