Al Gambrinus festeggiati i 13 milioni di caffè
10 Agosto 2012
Corso di sopravvivenza per consumisti in crisi
18 Agosto 2012

A Brindisi stop alla vendita degli animali nelle feste

Niente canarini, pesci rossi, tartarughe e pulcini, a meno che gli ambulanti non siano autorizzati oltre che attenti al benessere degli animali: durante le feste patronali in programma quest'anno a Brindisi da fine agosto si fara' particolare attenzione alle pratiche illegali di commercio degli animali, per evitare che caldo, gabbiette anguste, rumori, confusione, elementi consueti in manifestazioni di quel genere, arrechino ''sofferenza'' alle bestiole e si ''ripercuotano sul loro benessere''. Lo prevede un'ordinanza del sindaco, Mimmo Consales, firmata il 14 agosto scorso, su sollecitazione della locale sezione dell'Associazione italiana difesa animali e ambiente. Banditi quindi in primis gli ambulanti 'fai da te' che fino allo scorso anno si incontravano tra le bancarelle di casalinghi e quelle di frutta secca.

Niente canarini, pesci rossi, tartarughe e pulcini, a meno che gli ambulanti non siano autorizzati oltre che attenti al benessere degli animali: durante le feste patronali in programma quest’anno a Brindisi da fine agosto si fara’ particolare attenzione alle pratiche illegali di commercio degli animali, per evitare che caldo, gabbiette anguste, rumori, confusione, elementi consueti in manifestazioni di quel genere, arrechino ”sofferenza” alle bestiole e si ”ripercuotano sul loro benessere”. Lo prevede un’ordinanza del sindaco, Mimmo Consales, firmata il 14 agosto scorso, su sollecitazione della locale sezione dell’Associazione italiana difesa animali e ambiente. Banditi quindi in primis gli ambulanti ‘fai da te’ che fino allo scorso anno si incontravano tra le bancarelle di casalinghi e quelle di frutta secca. Vietato il commercio e l’esposizione illegale di animali vivi in occasione delle feste dei santi patroni Teodoro D’Amasea e Lorenzo da Brindisi e della festa dell’Ave Maris Stella in programma, l’una, dal 27 agosto al 4 settembre e, l’altra, dal 5 settembre al 10 settembre. E’ inoltre impedito ”porre in premio o omaggio animali vivi”, mentre vige l’obbligo per i commercianti autorizzati ”di osservare tutte le prescrizioni previste dalla e per la tutela della salute degli animali”. Cio’ perche’ ”le caratteristiche modalita’ di svolgimento delle manifestazioni in questione determinano per gli animali condizioni di oggettiva sofferenza per la ristrettezza degli spazi, le sollecitazioni delle temperature oscillanti nell’arco della giornata, l’esposizione alla confusione e rumorosita’, circostanze che si ripercuotono sul benessere degli animali”. A far rispettare le regole ci penseranno i poliziotti municipali che multeranno i trasgressori e, in caso di maltrattamenti, si occuperanno di compiere le opportune segnalazioni alla magistratura.

Floriana Stile

Comments are closed.