Morto Ugo Intini, il socialista ex deputato aveva 82 anni
13 Febbraio 2024
Viaggio a Odessa, tra i segni della guerra accanto ai bambini che giocano
13 Febbraio 2024

Il significato del Martedì grasso, l’ultimo giorno del carnevale

ROMA – Con il Martedì grasso, che quest’anno cade oggi, 13 febbraio, termina la settimana del Carnevale. Da Viareggio a Venezia, sfilate e feste in maschera caratterizzano questa giornata, vigilia del Mercoledì delle ceneri.

IL SIGNIFICATO DEL MARTEDÌ GRASSO

L’origine del Martedì grasso è da ritrovare nel cristianesimo. Secondo la tradizione cristiana, infatti, nella Quaresima, un periodo di 40 giorni prima della Pasqua che inizia con il Mercoledì delle ceneri, i fedeli erano tenuti a praticare il digiuno ecclesiastico (un solo pasto al giorno), l‘astinenza dalle carni, oltre ad intensificare la preghiera e gli atti caritatevoli. Proprio da questo rito liturgico deriva il nome del Carnevale (dal latino carnem levare, cioè ‘eliminare la carne’). Per questo era usanza che alla vigilia della Quaresima si consumasse tutto il cibo ricco e ‘grasso’ da cui ci si dovrebbe poi astenere nelle settimane successive. Da qui il nome ‘Martedì grasso’.

IL MARTEDÌ GRASSO NEL MONDO

Il martedì grasso non è una tradizione esclusivamente italiana. E’ celebrato nel resto del mondo, anche se alcuni Paesi hanno le loro usanze tipiche. Ad esempio, nel Regno Unito, oltre ad essere il ‘giorno della confessione’ (Shrove Tuesday), il martedì grasso coincide con il Pancake Day, il giorno delle frittelle. Nei Paesi scandinavi e in Germania, invece, il giorno più importante del carnevale non è il martedì, bensì il ‘lunedì delle rose’ (Rosenmontag). In questo giorno sono concentrati tutti i festeggiamenti, che diventano più meno sfarzosi il giorno seguente, il ‘martedì viola’ (Veilchendienstag).

L’articolo Il significato del Martedì grasso, l’ultimo giorno del carnevale proviene da Agenzia Dire.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it

continua a leggere sul sito di riferimento