Caso ‘Domenica In’, domani presidi fuori le sedi Rai. Potere al Popolo: “Subito le dimissioni di Sergio”
12 Febbraio 2024
Cnpr forum: “Riequilibrare il rapporto tra agricoltori e grande distribuzione”
12 Febbraio 2024

Giorgia Meloni incontra Javier Milei: “Rafforzare le relazioni bilaterali”

ROMA – “Il Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, ha ricevuto oggi a Palazzo Chigi il Presidente della Repubblica argentina, Javier Milei”. Lo fa sapere una nota di Palazzo Chigi. “Nel ricordare gli storici legami culturali che legano l’Italia e l’Argentina, il colloquio si è concentrato sulla comune volontà di rafforzare le relazioni bilaterali a partire dalla cooperazione economica in settori strategici quali l’energia, le infrastrutture e l’agricoltura”, precisano da Palazzo Chigi. Si è discusso, inoltre, “della situazione regionale, concordando sulla necessità – alla luce della Presidenza italiana del G7 – di uno stretto coordinamento del Gruppo dei 7 con il G20“, segnalano sempre da Palazzo Chigi. In conclusione, “a testimonianza della solidità del partenariato culturale, il Presidente Meloni ha anche ricordato il prossimo approdo della Nave Scuola Amerigo Vespucci a Buenos Aires”, conclude la nota.

GOVERNO. MELONI RICEVE MILEI, NUOVI PARTENARIATI IN SETTORI CHIAVE

“Oggi ho accolto a Palazzo Chigi il Presidente della Repubblica Argentina Javier Milei. Un incontro positivo nel quale abbiamo dialogato sullo sviluppo di nuovi partenariati in settori chiave per le nostre economie come l’energia, le infrastrutture e l’agroalimentare. Italia e Argentina vantano un profondo legame storico e culturale che auspichiamo possa proseguire per una rinnovata cooperazione in diversi ambiti”. Lo scrive su X la presidente del Consiglio Giorgia Meloni, postando una foto dell’incontro.

L’articolo Giorgia Meloni incontra Javier Milei: “Rafforzare le relazioni bilaterali” proviene da Agenzia Dire.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it

continua a leggere sul sito di riferimento