Vitalone e Graziano: “Occorre sinergia tra magistratura, professionisti e banche per aiutare le imprese ad uscire dalla crisi”
5 luglio 2020
L’Europa si affida al Dipartimento di Agraria della “Federico II”
9 settembre 2020

Presutto (M5s), il ruolo della Cdp sia sempre più strategico

Parla il facilitatore nazionale dell’area economica pentastellata dopo l’audizione del Ministro Gualtieri

“In questi anni la Cassa Depositi e Prestiti ha ottenuto buoni risultati nella gestione delle
infrastrutture e delle reti, come Terna e Snam. Per questo il Movimento 5 Stelle ritiene che la stessa Cassa debba avere un ruolo sempre più strategico e di controllo nella gestione della rete autostradale e nella rete unica in fibra. Si tratta di due partite separate, ma molto simili e soprattutto fondamentali per il futuro del Paese e del Mezzogiorno”.

Lo afferma in una nota il senatore Vincenzo Presutto, facilitatore nazionale area economia del Movimento 5 Stelle e componente della Commissione bicamerale di vigilanza sulla Cassa Depositi e Prestiti, a margine dell’audizione davanti alla stessa Commissione del ministro dell’economia, Roberto Gualtieri.

“Oggi – ha proseguito l’esponente pentastellato – il ministro ha riconosciuto il ruolo  fondamentale di Cdp in Terna e Snam, anche nell’ottica delle trattative con Atlantia per il futuro assetto di Aspi e con Tim per la futura società della rete unica in fibra. Cdp deve esprimere anche nelle partite autostrade e rete unica un solido presidio pubblico a garanzia delle infrastrutture, della sicurezza pubblica e della tutela di cittadini e imprese.

Questo presidio, secondo noi, si concretizza solo con il controllo o comunque con un ruolo di maggioranza della Cdp nel capitale. Ricordo a me stesso che in passato la riconduzione sotto lo Stato dell’energia elettrica ha permesso, attraverso la rete, di unire il Paese da Nord a Sud e di favorirne lo sviluppo fino a rendere l’Italia una delle economie più forti del mondo. La rete in fibra – conclude Presutto – oggi è un’occasione incredibile di sviluppo, e il presidio pubblico sarà imprescindibile”.