“La burocrazia ci sta uccidendo”
7 febbraio 2018
“Asili nido gratuiti e tutela del lavoro per le giovani madri”
10 febbraio 2018

“L’equity crowdfunding è un’opportunità per professionisti e Pmi”

Lo ha detto Vincenzo Moretta, presidente dei commercialisti partenopei al road show che è partito da Napoli

 

NAPOLI – “L’equity crowdfunding è uno strumento di finanziamento per le Pmi di grande importanza. Oggi viene utilizzato per supportare il lancio di nuove iniziative imprenditoriali, ma l’utilizzo potrà espandersi in altri ambiti. I dottori commercialisti dovranno farsi trovare pronti perché si tratta di una specializzazione sempre più richiesta dagli imprenditori. Per questo l’Ordine di Napoli ha ospitato il Road Show organizzato dal Consiglio nazionale e finalizzato ad attirare l’attenzione su questo strumento ancora poco utilizzato. Abbiamo affrontato gli aspetti più interessanti dell’operazione, evidenziandone opportunità e criticità”. Lo ha detto Vincenzo Moretta, presidente dell’Ordine dei dottori commercialisti di Napoli, aprendo la tappa napoletana del Road show sull’Equity crowdfunding organizzato dal Consiglio nazionale dei commercialisti. Il convegno si è concentrato su “L’equity crowdfunding esteso a tutte le PMI: un’opportunità per lo sviluppo delle aziende”.

Il consigliere Cndcec Lorenzo Sirch, co-delegato all’Area Finanza con il consigliere Maurizio Grosso, sottolinea “il recepimento sostanziale delle proposte avanzate dal Consiglio Nazionale in sede di consultazione, che hanno portato alla necessità di integrare l’offerta con ulteriori informazioni sull’emittente di utilità per gli investitori, quali la struttura dei controlli interni anche di natura contabile e le attività di asseverazione compiute in relazione all’offerta, con una valorizzazione del ruolo del commercialista nell’utilizzo dello strumento da parte delle proprie aziende clienti”.

Pierluigi Di Micco, dottore commercialista in Napoli, evidenzia: “La legge di Bilancio 2017 ha introdotto importanti novità in materia di crowdfunding, estendendo la relativa disciplina contenuta nel TUF (Testo unico della finanza), precedentemente limitata alle start-up ed alle PMI innovative, a tutte le piccole e medie imprese”.

Hanno partecipato ai lavori: Renato Maraviglia, Responsabile Ufficio prospetti Equity della Consob, su “Apertura del mercato dei capitali: quadro regolamentare, benefici e oneri”; Toni Marcelli, CONSOB – Segreteria tecnica presidente vicario; Matteo Piras, Ad StarsUp equity crowdfunding, su “Casi di sucesso: fasi e aspetti operativi delle operazioni di equity crowdfunding”. Antonio Campagnoli, presidente Fiabci Italia, su “Real estate equity crowdfunding: esperienze internazionali e prospettive per il “mattone” italiano”; Leonardo Frigiolini, AD Frigiolini & Partners Merchant, su “Mini bond e portali di equity crowdfunding: matrimonio possibile?”.