Ricciardi (Atc), subito regole chiare per le imprese edili altrimenti sarà ko
24 giugno 2020
Diretto: è il momento di sburocratizzare, il commercialista è indispensabile “medico” delle aziende
27 giugno 2020

La Camera di Commercio di Napoli stanzia 40 milioni di euro per un piano a sostegno delle imprese

 

Fiola: “Una risposta concreta ai bisogni in un periodo di profonda crisi”

 

NAPOLI – 40 milioni di euro stanziati per un piano complessivo di sostegno alle imprese che si aggiungono ai 10 milioni di euro già varati a inizio anno per attività promozionali. E’ un’azione poderosa quella messa in campo dall’Ente guidato da Ciro Fiola, definita durante la seduta del Consiglio Camerale. Sarà la Giunta nelle prossime ore a tracciare le linee di indirizzo su cui saranno costruiti i bandi in uscita tra luglio e settembre, lasciando il mese di agosto in pausa poiché periodo dove le imprese e i professionisti possono essere legittimamente distratti e in difficoltà. Approvati a larga maggioranza anche il Bilancio di esercizio 2019, l’aggiornamento della Relazione previsionale e programmatica anno 2020 nonché l’aggiornamento del Bilancio Preventivo 2020.

Nella stessa seduta il Consiglio Camerale ha votato la decadenza di tre consiglieri: Felice Califano, rappresentate del Siva, Alessandro Lenoci di Abi e Pasquale Russo, direttore Confcommercio Campania. La Confcommercio, con la decadenza di Russo e le dimissioni di circa un mese fa del consigliere Giacomo Errico, Commissario Confcommercio Campania, perde momentaneamente ogni rappresentanza nella Camera di Commercio di Napoli.

“Andiamo incontro alle imprese, che in questo periodo sono travolte da una crisi epocale, immettendo nel sistema produttivo energie e opportunità – ha commentato il presidente, Ciro Fiola – Rappresentiamo un riferimento per le 340mila imprese iscritte e per questo motivo stiamo immaginando numerose iniziative dedicate ai diversi comparti”.

Si è giunti alla stesura del progetto complessivo di attività da mettere in campo dopo una lunga campagna di ascolto con i vertici del Palazzo della Borsa, alla quale hanno preso parte gli esponenti di tutte le associazioni, delle rappresentanze datoriali e sindacali, con le sole eccezioni di Unione Industriali e Confcommercio. La Giunta Camerale è chiamata adesso a definire le linee di indirizzi dalle quali scaturiranno i bandi. Hanno espresso il voto contrario all’assestamento di bilancio che stanzia i 40milioni di euro di aiuti alle imprese, i consiglieri che rappresentano Unione Industriali, Acen, Clai, Cna e Confartigianato. Il presidente Fiola ha comunque assicurato che porterà le proposte delle associazioni all’attenzione della Giunta poiché considerate meritevoli e condivisibili, dopo l’opportuna verifica con Unioncamere Nazionale.

“Hanno perso un’occasione – ha concluso Fiola – sembra quasi che l’emergenza economica e sanitaria non abbia insegnato nulla a qualcuno: antagonismo, astio gratuito ed egoismo devono lasciare spazio all’unità, nell’interesse primario delle imprese e dei loro dipendenti”.