Gas russo, nuovi tagli: Gazprom spegne una turbina di Nord Stream 1, dal 27 luglio produzione ridotta al 20%
25 Luglio 2022
Zingaretti: “A disposizione di un progetto politico, dipende dal Pd”
25 Luglio 2022

Vaiolo delle scimmie, salgono a 15.000 i casi nel mondo. Ieri record di contagi

ROMA –  I contagi di monkeypox continuano a crescere: “In poco più di due mesi l’epidemia globale di vaiolo delle scimmie in paesi non endemici è arrivata a più di 15.000 casi, di cui oltre due terzi segnalati nella regione europea dell’Oms. Il 23 luglio scorso il direttore generale dell’Oms- si legge nel sito dell’Organizzazione mondiale della sanità- ha stabilito che questo focolaio multinazionale costituisce un’emergenza di salute pubblica di rilevanza internazionale, il più alto livello di allerta ai sensi del Regolamento Sanitario Internazionale”.

Ma non solo. Ieri, ricorda Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova, è stato raggiunto “il record di diagnosi di monkeypox nel mondo: 1.700 casi in un solo giorno. I dati epidemiologici dicono che i casi riguardano prioritariamente una popolazione abbastanza ristretta: maschi, tra i 20 e i 40 anni che si sono contagiati preferenzialmente per via sessuale o per contatto diretto. È urgente raccomandare la vaccinazione e altri provvedimenti preventivi a queste persone”.

TRA I SINTOMI NON SOLO L’ERUZIONE CUTANEA

A chiarire alcuni malintesi sul monkeypox partendo proprio dalla sintomatologi è Cristina Mussini, professore Ordinario di Malattie Infettive e direttore della Clinica Malattie Infettive dell’Università di Modena e Reggio Emilia, che sul sito dell’Oms racconta che i casi esaminati “non presentavano necessariamente l’eruzione cutanea (ulcere anali, genitali e orali), considerata il sintomo tipico del vaiolo delle scimmie, il che evidenzia la necessità per le persone di consultare rapidamente un medico e di sottoporsi al test”. Possono esserci anche persone infettate senza ulcere visibili e con i linfonodi ingrossati. “Alcuni dei nostri pazienti che sono risultati positivi al vaiolo delle scimmie avevano febbre, infiammazione del colon e del retto, mentre altri avevano lesioni simili a vesciche sul mento, sul torace e sullo stomaco”, riferisce Mussini.

NON È UNA MALATTIA ASSOCIATA AD ALCUNA COMUNITÀ

Sebbene la maggior parte dei casi esaminati dai clinici siano stati tra uomini che hanno rapporti sessuali con uomini (MSM), i medici sottolineano che questa non è una malattia esclusiva degli uomini gay e che nessuno stigma di conseguenza dovrebbe essere allegato ad esso. 

“All’inizio, i casi che abbiamo visto erano collegati a viaggi per eventi Pride in vari paesi, ma poi abbiamo visto altri casi che potevano verificarsi solo come risultato della trasmissione locale”, afferma Mussini. “Chiunque abbia uno stretto contatto personale con un individuo infetto o i suoi effetti personali contaminati può sviluppare il vaiolo delle scimmie”, aggiunge. “È importante sottolineare che gli MSM sono attualmente a maggior rischio di contrarre il vaiolo delle scimmie a causa delle reti sociali e sessuali in cui la malattia si è diffusa più rapidamente. La maggior parte dei casi- si legge sempre sul sito dell’Oms- continua a essere segnalata tra gli uomini che sono stati esposti a seguito di rapporti sessuali con altri uomini. Tuttavia, i casi di vaiolo delle scimmie vengono rilevati anche nelle donne e nei bambini e i medici devono prestare attenzione alla possibilità del vaiolo delle scimmie nella valutazione di qualsiasi paziente”.

NON È IL NUOVO HIV

Avendo lavorato per più di 30 anni nel campo dell’HIV, Mussini ricorda che “il vaiolo delle scimmie non attacca il sistema immunitario dell’organismo nello stesso modo e che, a differenza dell’HIV, i sintomi di solito scompaiono dopo solo poche settimane senza bisogno di cure”.

COME AVVIENE IL CONTAGIO E SINTOMATOLOGIA

Il vaiolo delle scimmie Monkeypox viene contratto a seguito di un contatto personale prolungato con un individuo infetto (incluso il contatto sessuale) o il contatto con i suoi effetti personali contaminati. I sintomi di solito includono uno o più dei seguenti: eruzioni cutanee, macchie, ulcere o lesioni simili a vesciche in qualsiasi parte del corpo, ma spesso nell’area genitale o linfonodi gonfi e doloranti o febbre, mal di testa e dolori muscolari, brividi o stanchezza. L’OMS esorta chiunque abbia sviluppato uno di questi sintomi a seguito di uno stretto contatto personale a consultare immediatamente il proprio medico.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Vaiolo delle scimmie, salgono a 15.000 i casi nel mondo. Ieri record di contagi proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento