G20 Cultura al Colosseo. Seguilo sulla Dire
29 Luglio 2021
Giustizia, raggiunto l’accordo unanime. Cartabia: “Regime particolare per i reati di mafia e terrorismo”
29 Luglio 2021

Vaccini, mascherine e trasporti: le novità del Piano Scuola

ROMA – ‘Per l’avvio dell’anno scolastico 2021/2022 la sfida è assicurare a tutti lo svolgimento in presenza delle attività scolastiche, il recupero dei ritardi e il rafforzamento degli apprendimenti, la riconquista della dimensione relazionale e sociale dei giovani, insieme a quella che si auspica essere la ripresa civile ed economica del Paese’. Il ministero dell’Istruzione lo mette nero su bianco nella bozza del Piano Scuola del prossimo anno, messo a punto per accompagnare gli istituti nella pianificazione delle attività scolastiche, educative e formative.

VACCINI ESSENZIALI PER DIDATTICA IN PRESENZA

Il documento sottolinea ancora la necessità di predisporre ‘ogni opportuno intervento per consentire il normale svolgimento delle lezioni in presenza in condizioni di sicurezza’. Ma per evitare la Didattica a distanza, ‘è essenziale che il personale docente e non docente assicuri piena partecipazione alla campagna di vaccinazioni, contribuendo al raggiungimento di un’elevata copertura vaccinale e alla ripresa in sicurezza delle attività e delle relazioni proprie del fare scuola’ si legge ancora nella bozza. Anche per i giovani over 12, la vaccinazione è essenziale, come suggerito dal CTS, per questo è necessario che il personale scolastico ‘operi per far comprendere il valore della vaccinazione, sia nella sua dimensione di prevenzione del contagio e tutela della salute soprattutto dei soggetti più fragili, sia quale veicolo per la piena ripresa della vita sociale del Paese e, in particolare, della normale vita scolastica’.

MASCHERINE OBBLIGATORIE SENZA DISTANZIAMENTO

La mascherina resta obbligatoria per i bambini dai 6 anni in su. Sulla tipologia il ministero precisa che deve essere necessariamente di tipo chirurgico nel caso in cui non è possibile rispettare il distanziamento. Per il personale della scuola, invece, il dispositivo di protezione delle vie respiratorie da adottare ‘è la mascherina chirurgica o altro dispositivo previsto dal datore di lavoro sulla base della valutazione del rischio’.

SANIFICAZIONE A CURA DEL PERSONALE SCOLASTICO

Si dovrà assicurare il rispetto delle misure di areazione dei locali e della pulizia quotidiana, ‘accurata e ripetuta’ di tutti gli ambienti. Dovrà pure proseguire anche la pratica dell’igiene delle mani e la messa a disposizione di erogatori di prodotti disinfettanti. In caso di rilevamento di un caso positivo a scuola, la sanificazione va effettuata se non sono trascorsi 7 giorni o meno da quando la persona positiva ha visitato o utilizzato la struttura. Non è necessario che sia effettuata da una ditta esterna: potrà essere effettuata dal personale della scuola già impiegato per la sanificazione ordinaria.

SCREENING NON NECESSARI

Test diagnostici o screening preliminari all’accesso a scuola non sono ritenuti necessari, mentre restano confermate le ordinarie procedure di trattamento di sospetti casi positivi a scuola da gestire, sempre in collaborazione con le autorità sanitarie territorialmente competenti.

SOMMINISTRAZIONE DEI PASTI

Gli operatori delle mense scolastiche dovranno rispettare l’uso della mascherina. La somministrazione potrà avvenire nelle forme usuali, senza necessariamente ricorrere all’impiego di stoviglie monouso. Resta confermata la necessità di assicurare il rispetto del distanziamento nelle fasi di ingresso e uscita dai locali dedicati alla refezione e le pratiche di igienizzazione personale.

EDUCAZIONE FISICA: DIFFERENZE IN BASE ALLE ZONE

Durante le attività didattiche di educazione fisica e sportive all’aperto, il CTS non prevede in zona bianca l’uso di dispositivi di protezione per gli studenti, salvo il distanziamento interpersonale di almeno due metri. Per lo svolgimento di attività motoria sportiva nelle palestre scolastiche, il Comitato distingue in base al colore delle zone geografiche. Nelle zone bianche, le attività di squadra sono possibili ma dovranno essere privilegiate le attività individuali. In zona gialla e arancione, si raccomanda lo svolgimento di attività di tipo individuale. Nel caso in cui siano intercorsi accordi con gli Enti Locali per l’uso di palestre da parte di soggetti esterni, il CTS ritiene questi accordi considerabili solo in zona bianca e, per l’attuazione degli stessi, dovrà essere assicurata adeguata pulizia e sanificazione dopo ogni uso.

NUOVI FONDI PER IL PERSONALE

Il Cts rinnova la raccomandazione dell’individuazione a scuola di un Referente Covid. Per garantire lo svolgimento in sicurezza delle attività scolastiche in presenza, il governo, attraverso il Sostegni bis, ha destinato finanziamenti per ‘attivare incarichi temporanei di personale docente, amministrativo, tecnico e ausiliario con contratto a tempo determinato, dalla data di presa di servizio fino al 30 dicembre 2021, da impiegare in base alle esigenze delle istituzioni scolastiche nell’ambito della loro autonomia’.

RESTANO ATTIVI I TAVOLI PER I TRASPORTI

È necessario che in ogni scuola si realizzino attività di organizzazione degli spazi esterni e interni, per evitare raggruppamenti o assembramenti e garantire ingressi, uscite e distanziamenti adeguati in ogni fase della giornata scolastica. Per la definizione degli gli oRari di inizio e termine delle attività didattiche e gli orari dei servizi di trasporto pubblico locale, urbano ed extraurbano, restano attivi i tavoli presso le prefetture. Nel Sostegni bis è prevista la possibilità che agli studenti della scuola secondaria di primo o secondo grado siano erogati ‘servizi aggiuntivi in convenzione con operatori economici esercenti servizio di trasporto di passeggeri su strada, di taxi o di noleggio con conducente’. Confermato anche il finanziamento di servizi aggiuntivi programmati per effetto del limite al coefficiente di riempimento dei mezzi. È anche prevista la possibilità di accesso a finanziamenti destinati a istituti scolastici che provvedano, previa nomina del mobility manager scolastico a predisporre, entro il 31 agosto 2021, ‘un piano degli spostamenti casa-scuola-casa del personale scolastico e degli alunni’, incentrato su ‘iniziative di mobilità sostenibile, incluse iniziative di piedibus, di car-pooling, di car-sharing, di bike-pooling e di bike-sharing’.

PATTI DI COMUNITÀ

È auspicabile che le scuole continuino a sottoscrivere specifici ‘Patti educativi di comunità’ che potranno ad esempio essere: la messa a disposizione di strutture o spazi supplementari (come parchi, teatri, biblioteche, archivi, cinema, musei) per lo svolgimento di attività didattiche curricolari o aggiuntive. E ancora la realizzazione di collaborazioni per l’arricchimento dell’offerta formativa; l’organizzazione della presenza ordinata di studenti e famiglie negli all’esterno degli edifici scolastici o nelle aree di confluenza dei trasporti scolastici.

DISABILITÀ

Priorità irrinunciabile è assicurare la presenza quotidiana a scuola degli alunni con bisogni educativi speciali, in particolare di quelli con disabilità, nella dimensione inclusiva vera e partecipata. La gestione degli alunni con disabilità certificata dovrà essere pianificata anche in riferimento alla numerosità, alla continua a leggere sul sito di riferimento