A Firenze vaccini Johnson&Johnson per over 60 anche in farmacia
9 Giugno 2021
Lazio, Sarri è il nuovo allenatore: annunciato con l’emoji di una sigaretta
9 Giugno 2021

Stragi del 1992, Contrada: “La Barbera? Di mafia ne sapeva meno di mia madre”

PALERMO – “La Barbera sarà stato un ottimo funzionario di polizia, aveva sempre prestato servizio nel Nord Italia. Quando è venuto a Palermo non sapeva neanche cosa fosse la mafia, forse ne sapeva meno di mia madre: è questa la verità”. A parlare è l’ex funzionario del Sisde, Bruno Contrada, che ha risposto così a una domanda nel corso della sua audizione presso l’Antimafia dell’Assemblea regionale siciliana riguardante le indagini sulle stragi del 1992 e il ruolo dell’ex capo della Mobile di Palermo che poi guidò il gruppo investigativo ‘Falcone-Borsellino’ incaricato di fare luce sugli eccidi di Capaci e via D’Amelio.

Il giudizio di Contrada su tutta la macchina investigativa del tempo è netto: “C’era una impreparazione generale, e ci metto anche il Sisde dove, tranne me e qualche vecchio sottoufficiale che stava per andare in pensione, c’era lo zero assoluto”. L’ex 007 ritorna, infine, su uno dei tre incontri avuti con l’allora procuratore di Caltanissetta Giovanni Tinebra, che guidava ufficialmente le indagini sulle stragi Falcone e Borsellino: “Uscendo da un incontro mi chiesi come avrebbe fatto a condurre una inchiesta su atti di quel genere”.

L’INCONTRO TRA CONTRADA E TINEBRA

Il giorno successivo alla strage di via D’Amelio del 19 luglio 1992, in cui persero la vita il magistrato Paolo Borsellino e i cinque agenti di scorta, l’allora capo della procura di Caltanissetta, Giovanni Tinebra, chiese a Bruno Contrada, che in quel periodo ricopriva il ruolo di dirigente dei servizi segreti, di “dare una mano” nello svolgimento delle indagini. A riferire la circostanza è lo stesso Contrada, ascoltato dalla commissione Antimafia dell’Ars presieduta da Claudio Fava. Contrada racconta: “Tinebra mi disse: ‘lei è disposto a darci una mano in questa indagine?’. Risposi di essere a disposizione ma che non avrei potuto svolgere indagini perché in quel momento non ero più un funzionario di polizia giudiziaria ma ero già solo nei servizi. Avevo paura che un mio intervento avrebbe potuto intralciare le indagini di polizia giudiziaria”. L’incontro tra Contrada e Tinebra, secondo il racconto dell’ex funzionario del Sisde, avvenne la sera del 20 luglio 1992.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Stragi del 1992, Contrada: “La Barbera? Di mafia ne sapeva meno di mia madre” proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento