Le prime pagine dei quotidiani di Lunedì 23 Gennaio 2023
23 Gennaio 2023
Professioni, in Italia uno studente su quattro è interessato al settore orafo-gioelliero
23 Gennaio 2023

Scontri tra ultras prima di Paganese-Casertana, un pullman dato alle fiamme

ROMA – Violenti tafferugli sono scoppiati domenica prima del derby tra Paganese e Casertana valido per il campionato di calcio di Serie D. Le vie di Pagani sono diventate il campo di battaglia tra gli ultras avversari, con colpi proibiti e danneggiamenti alle auto in sosta.

IL PULLMAN A FUOCO

L’episodio più grave si è verificato all’incrocio tra via Leopardi e via San Domenico. “La follia di questi facinorosi e non certamente tifosi, ha fatto rischiare la tragedia, perché uno dei bus che trasportava i tifosi rossoblù è andato a fuoco colpito da una molotov”, informa il Sap.

Il deputato di Alleanza Verdi-Sinistra, Francesco Emiliio Borrelli, ha condiviso su Facebook i video degli scontri e ha parlato di “immagini inquietanti” e di “ennesima vergogna a poche settimane dalla guerriglia fra tifosi del Napoli e quelli della Roma. Purtroppo certa gentaglia proprio non vuol imparare. Arrivare alla violenza per motivi calcistici è da barbari, chiediamo che i responsabili vengano individuati e assicurati alla giustizia. Guai a fargliela cavare con un semplice Daspo, devono andare in galera”.

VIMINALE: “MASSIMO RIGORE CONTRO I RESPONSABILI”

Il ministero dell’Interno ha fatto sapere in una nota che esaminerà “i gravi fatti sfociati nelle violenze avvenute in occasione della partita Paganese-Casertana. Il Viminale è pronto a procedere con massimo rigore nei confronti dei responsabili degli incidenti e delle due tifoserie, ma verrà sviluppata anche una approfondita riflessione circa i criteri con cui sarà, d’ora in avanti, consentito lo svolgimento di partite considerabili ‘a rischio’ anche nelle serie minori”.

LEGGI ANCHE: Scontri all’autogrill, Piantedosi: “Per i tifosi di Roma e Napoli stop alle trasferte per due mesi”
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it

continua a leggere sul sito di riferimento