Pregliasco: “Con Centaurus non tutti sono a rischio infezione”
2 Agosto 2022
Omicidio Civitanova, lo psichiatra: “Attenzione, il disturbo bipolare non è una patologia ‘killer”
2 Agosto 2022

Salvini: “Zaia può candidarsi, dipende da lui”. La replica: “Mi occupo del Veneto”

VENEZIA – “Vado anche oggi a Roma ma ci vado sempre in toccata e fuga… Io mi occupo del Veneto, queste elezioni non mi riguardano, né prima, né durante, né dopo: le faccio da militante e basta. Ringrazio per le attestazioni di stima ma ho tre anni di amministrazione davanti”. Così il presidente della Regione Veneto Luca Zaia risponde alla stampa che gli chiede conto di quanto affermato questa mattina a Venezia dal segretario della Lega Matteo Salvini, che ha dato carta bianca al presidente della Regione Veneto in merito ad una sua possibile candidatura alle prossime politiche.

LEGGI ANCHE: Salvini: “Oggi tasse immorali, flat tax per tutti i lavoratori”

SALVINI: “IO ZAIA LO METTEREI OVUNQUE”

“Io Zaia lo metterei ovunque, è una delle risorse migliori che abbiamo e che avremo a disposizione. Ma, siccome io non dispongo dei nostri uomini come soldatini, deciderà Luca”. Lo afferma Matteo Salvini, oggi a Venezia, parlando della possibilità di candidare alle prossime politiche il presidente della Regione Veneto Luca Zaia. “Luca potrebbe fare quello che vuole quando vuole, deciderà lui”, insiste Salvini. Ad ogni modo, “le liste in Veneto le faranno i veneti, in Piemonte le faranno i piemontesi, in Puglia le faranno i pugliesi…”, sottolinea il segretario della Lega.

“I candidati li sceglieranno i territori, i posti sono quelli che sono, ma il bello è che se vinceremo le elezioni non ci sarà bisogno solo di parlamentari per governare questo Paese. Ci sarà bisogno di migliaia di persone in gamba negli uffici giusti, al posto giusto nel momento giusto. E il Veneto avrà una parte rilevante nel futuro Governo e nel futuro rilancio del Paese” assicura Salvini. “Mancano 54 giorni, non vedo l’ora che arrivi la risposta dei cittadini. Per me non ci sarà agosto, non ci sarà Ferragosto, tornerò in Veneto più e più volte”, conclude.

ZAIA: “GOVERNO CENTRODESTRA NON HA SENSO SE NON VARA AUTONOMIA”

“Non ha nessun senso parlare di un progetto di governo se questo deve essere un Governo che non approva l’autonomia”. Lo chiarisce il presidente della Regione Veneto Luca Zaia, commentando le dichiarazioni fatte oggi dal segretario della Lega Matteo Salvini, che ha assicurato che – in caso di vittoria del centrodestra alle elezioni del 25 settembre – l’autonomia sarà al centro della prima riunione del nuovo Consiglio dei ministri. “Ricordo che Fratelli d’Italia e Forza Italia, quindi il centrodestra che oggi si presenta alle elezioni, qui in Veneto e anche in Lombardia ha sostenuto a spada tratta sia l’autonomia che il referendum”, quindi “io non penso sia un tema di ricatti, ma che sia un tema di coerenza e di rispetto del rapporto che si ha con i cittadini”, evidenzia Zaia.

“Conosco Giorgia Meloni, conosco Silvio Berlusconi, e so che la direzione è quella di venirne fuori”. Tra l’altro, sottolinea Zaia come già fatto proprio da Salvini, “c’è una contestualità che è unica, il 22 ottobre di cinque anni fa c’è stato il referendum. Sono stati cinque anni travagliati, di Covid, crisi Ucraina, ma anche tanto lavoro…. Questo governo oggi non ne ha i poteri e per un fatto di opportunità non lo può fare, ma ha già in mano il progetto concluso, per cui è fondamentale che si celebri questo anniversario”. Quindi “non so quali saranno le tempistiche ma so che se il Governo che arriverà non porterà avanti questa istanza di certo qui in Veneto è meglio che non si presenti… E poi prima o poi arriverà qualcuno che la farà l’autonomia e farà fare una figuraccia a tutti quelli che questa pagina di storia non la hanno voluta scrivere”.

Infine, ribadisce Zaia, “l’autonomia va letta come federalismo, è una scelta di modernità, parliamo di un Paese che non deve essere più centralista. E smettiamola con l’adagio che ci sono Regioni che verranno affamate, non è così: se qualcuno a casa sua ha i rifiuti per la strada, deve fare la valigia per curarsi fuori regione, non ha l’acqua potabile nei piani alti dei condomini, non è per colpa dell’autonomia perché oggi l’autonomia non c’è… Il problema è la malagestio e il malgoverno di quei territori”, conclude.

ZAIA: “BEN VENGA PRESIDENZIALISMO AFFIANCATO DA AUTONOMIA”

Sostenere il presidenzialismo voluto dalla leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni in cambio di un via libera all’autonomia delle Regioni che la chiedono è una possibilità che convince il presidente della Regione Veneto Luca Zaia. “Il presidenzialismo inteso come elezione del presidente della Repubblica o l’elezione diretta del presidente del Consiglio va nella direzione del rispetto del consenso popolare e del ruolo del cittadino che si sceglie il suo presidente della Repubblica e il suo presidente del Consiglio, né più e né meno di quello che accade in un’elezione regionale, dove il cittadino si sceglie il suo presidente di Regione e la squadra”, afferma Zaia. “Non ci vedo nulla di trascendentale. Ben vengano queste scelte che vanno nella direzione di dar potere al popolo”, conclude.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Salvini: “Zaia può candidarsi, dipende da lui”. La replica: “Mi occupo del Veneto” proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento