Covid, Crocetta (Sis): “Dati patrimonio comune, no ad abolizione bollettino quotidiano”
14 Gennaio 2022
Peste suina, il ‘lockdown dei boschi’ preoccupa la Liguria: “Una follia per il turismo”
14 Gennaio 2022

Roma, battaglia di postille tra over 50 e medici sul consenso informato: vaccino rifiutato

ROMA – Singolare battaglia, che finirà a carte bollate, da parte di una donna di oltre 50 anni in seguito all’entrata in vigore dell’obbligo vaccinale. Arrivata nell’hub in via Alvaro del Portillo, a Roma, per ricevere la dose prevista, la donna ha preteso di aggiungere una frase al foglio sul consenso informato per precisare che “non libera lo Stato italiano, che mi obbliga a questa vaccinazione, da ogni eventuale avversità, malattia derivante, o qualsiasi effetto indesiderato ne derivasse”. A rendere nota la vicenda è il Codacons, a cui la donna si è rivolta per avere assistenza legale dopo che il personale medico si è rifiutato di somministrare il siero.

“I fatti sono accaduti mercoledì 12 gennaio presso il Centro vaccinale Cesa in via Alvaro del Portillo, dove la donna si è recata per sottoporsi al vaccino anti-Covid Moderna – riscostruisce il Codacons – Al momento di firmare il consenso informato che, come noto, tutti i vaccinati devono sottoscrivere, la donna tira fuori una penna dalla borsa e, alla pagina dove si specifica che il cittadino ha ‘compreso i benefici e i rischi della vaccinazione’, aggiunge una frase scrivendo testualmente ‘non liberando lo Stato italiano, che mi obbliga a questa vaccinazione, da ogni eventuale avversità, malattia derivante, o qualsiasi effetto indesiderato ne derivasse’”.

“Il personale sanitario del Centro vaccinale – prosegue il Codacons – si accorge della postilla scritta a penna dalla donna, e ne nasce una accesa discussione con l’intervento del direttore della struttura che porta i medici presenti ad aggiungere a loro una volta una contro-postilla al modulo sul consenso informato, scrivendo ‘Si prende visione della postilla inserita dalla paziente sul primo foglio e non si acconsente alla vaccinazione sulla base di quanto riportato e scritto dalla paziente. Si comunica alla paziente che si potrà procedere alla vaccinazione solo previa firma del consenso informato’.

La signora si vede così costretta a riportare per iscritto sullo stesso modulo ‘Desidero vaccinarmi qui ed ora, ma non mi viene effettuata la vaccinazione perché ho inserito la postilla che non esonera lo Stato italiano’. Una vicenda che potrebbe ora finire in tribunale. La signora si è infatti rivolta al Codacons segnalando il caso e chiedendo di essere tutelata legalmente, e l’associazione sta studiando la fattibilità di una azione legale contro lo Stato e il Centro vaccinale che ha rifiutato la vaccinazione, circostanza che potrebbe realizzare in capo ai medici coinvolti il reato di abuso d’ufficio”.

“L’episodio dimostra come sia urgente e necessario modificare il consenso informato che i cittadini devono firmare quando si sottopongono alla vaccinazione anti-Covid – afferma il presidente del Codacons, Carlo Rienzi – In presenza di un obbligo vaccinale, lo Stato è tenuto per legge a risarcire qualsiasi danno sanitario legato alla vaccinazione, ma di tale responsabilità stabilita dal nostro ordinamento non si fa alcuna menzione nel modulo di consenso informato, che al contrario così come formulato oggi addossa ai cittadini qualsiasi rischio legato alla somministrazione del vaccino”, conclude Rienzi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Roma, battaglia di postille tra over 50 e medici sul consenso informato: vaccino rifiutato proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento