Non può vedere il figlio, mamma C.: “Il 25 novembre risparmiatevi parole”
23 Novembre 2021
Dall’1 dicembre parte Codeway, la prima fiera italiana dedicata alla Cooperazione allo Sviluppo Internazionale
23 Novembre 2021

Prima sindaca di Casablanca nominata anche ministra della Sanità, ma Rmili fa un passo indietro

ROMA – In Marocco c’è una donna troppo potente. Si chiama Nabila Rmili, è medico e ha lavorato nei pronto soccorso. Oggi ha 47 anni e due figli. Di lei si è scritto anche all’estero quando è divenuta la prima sindaca di Casablanca, una delle più importanti e affascinanti città del Marocco. Pochi giorni dopo l’elezione, a ottobre, è stata nominata anche ministra della Sanità: una promozione meritata per il ruolo già ricoperto da direttrice sanitaria regionale durante la pandemia di Covid-19, con prenotazioni digitali e “vaccinodromi”, secondo i suoi sostenitori; un incarico di troppo, insostenibile viste le responsabilità da prima cittadina, per i suoi detrattori. Sta di fatto che dopo una settimana lei si è dimessa e al suo posto è tornato il ministro precedente.Non ha tenuto a livello nazionale l’alleanza laica e liberale che aveva permesso di sottrarre il governo di Casablanca e di altre città chiave a un partito vicino ai Fratelli musulmani? Possibile, ma difficile il punto sia questo. Secondo il settimanale Telquel, all’origine delle dimissioni di Rmili ci sarebbero alcune sue decisioni contestate, in particolare i licenziamenti di un ispettore generale del ministero, di alcuni dirigenti centrali e di un direttore responsabile delle trasfusioni di sangue per la regione di Casablanca.

I cambiamenti non sono però finiti qui. A dimettersi è stato intanto anche il marito di Rmili, deputato e amministratore, che era stato eletto vicepresidente comunale sempre a Casablanca appena dieci giorni prima. Continuano a cumulare incarichi nel governo nazionale e a livello locale, come peraltro la legge marocchina consente, sia Aziz Akhannouch che Fatima-Zahra Mansouri, sindaco e sindaca di Agadir e Marrakech.
]]

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Prima sindaca di Casablanca nominata anche ministra della Sanità, ma Rmili fa un passo indietro proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento