Legnini: “Finanzieremo ricostruzione di tutte le scuole dentro e fuori il cratere del terremoto 2016-17”
29 Dicembre 2021
Nel 2021 il crimine è sempre più globale e digitale
29 Dicembre 2021

“Pescherie in tempesta”, l’Italia del pesce e del pescato viaggia sul web

Solcare i mari in tempesta delle pescherie italiane e tra una spigola e un frutto di mare insegnare a comprare, offrire servizi ai clienti, prendere per mano signore più o meno giovani per avviarle all’arte del cucinare il pesce, dalla ricetta più semplice al gourmet. Arriva sul web e poi in tv “Pescherie in tempesta” la nuova produzione televisiva di Max Adv che si ripropone di rivoltare le pescherie italiane come un calzino: Da Aosta a Messina, da Cagliari a Pescara, Giuseppe di Napoli, titolare da quattro generazioni partirà dalla sua Pianura a Napoli, oppure da Torino e Lussemburgo, dove possiede altri due frequentatissimi negozi di pesce per offrire consigli in giro per l’Italia. Una semplice offerta sul web ha già generato decine di richieste e sull’onda di “Cucine da incubo”, ecco “Pescherie in tempesta”.

Il programma si divide in diverse fasi: innanzitutto di Napoli ispeziona la pescheria nel suo aspetto estetico (arredamento e insegne), igienico, e soprattutto per la qualità del pesce proposto. Poi osserva il comportamento dello staff durante la giornata per individuare gli errori commessi a partire dalla spesa al mercato fatta con il proprietario dell’esercizio commerciale per spiegare trucchi e modi di comportarsi. Infine ci si trasferisce a casa di una cliente per cucinare insieme, attraverso semplici ricette, il pesce acquistato.

“Cosa sbagliano le pescherie oggi? Molto” spiega l’esperto Giuseppe di Napoli. “E noi insegneremo a comprare a mercato, a ottimizzare gli spazi del negozio, piccoli e grandi segreti che serviranno per rilanciare l’attività. Quali? I frutti di mare, ad esempio, hanno bisogno di un panno bagnato per non farli aprire anzitempo; il pesce in cella va tenuto con una bustina tra gli occhi e il ghiaccio”. Prima puntata a Pescara. Poi Cosenza, Milano in Sicilia e in Sardegna. “La cosa importante è che il titolare della pescheria sappia cucinare. Alle donne di oggi non piace cucinare il pesce. Se tu sei bravo a consigliare una ricetta accanto al pesce venduto siamo già a metà dell’opera. E ancora se lo sfiletti, se riesci a risolvere a monte qualche possibile disagio, hai sicuramente una marcia in più nella vendita”.

“Pescherie in tempesta” è la nuova produzione di Massimiliano Triassi che si occupa di unire cucina e sorriso dopo “Sartù, il Sorriso è servito” e A’Ricetta il format per illustrare le ricette in chiave comica. Nel portafoglio della Max ADV programmi che hanno fatto la storia del cabaret napoletano come “I sovrani” giunto alla terza serie, “Ultimo stadio”, “Barche in onda”, “Sasamen”, “Musicaly game show”, Web serie magiche emozioni (caffè borbone)”, “#Approdiche?.

Si comincerà a gennaio sul web poi il format approderà nelle televisioni regionali di tutta Italia.

 

L’articolo “Pescherie in tempesta”, l’Italia del pesce e del pescato viaggia sul web proviene da Notiziedi.

continua a leggere sul sito di riferimento