Mutui variabili, in Italia rate in aumento fino a 45 euro
8 Settembre 2022
“Se glielo dico non mi considererà più la sua mamma?”: i dubbi di chi ricorre alla fecondazione eterologa
8 Settembre 2022

Pelle in menopausa: come cambia e perché

ROMA – Una donna che entra in menopausa, si sa, affronta un cambiamento a 360 gradi che sconvolge e sconvolge tutto il corpo, compresa la pelle del viso. Vi sarà capitato, dunque, di guardarvi allo specchio e notare una pelle più secca, meno tonica e soprattutto meno luminosa. Insieme alle rughe iniziano a comparire brufoli, eruzioni cutanee e dermatiti, quasi come se la pelle del vostro viso non fosse più la vostra.

In realtà si tratta di una conseguenza naturale della menopausa che segna un vero e proprio inizio di una nuova fase della vita di una donna ed i cambiamenti sulla pelle sono causati dalla variazione dei livelli ormonali di questo periodo. Se siete abituate ad una vera e propria beauty routine è il caso di sostituire alcuni prodotti andando ad optare per una crema viso in menopausa adatta alla nuova condizione, aggiungendo magari sieri anti-age e simili.

LE CAUSE

Le cause dei cambiamenti relativi alla vostra pelle in menopausa sono tutti da ricercare nei cambiamenti ormonali. Durante la menopausa, infatti, si subisce una diminuzione e successivamente l’arresto della secrezione di ormoni come estrogeni e progesterone. Questi ormoni non sono coinvolti solo nella regolazione del ciclo mestruale ma giocano un ruolo importante anche a livello cutaneo poiché mantengono la pelle idratata ed elastica.

In menopausa, poi, si assiste anche alla riduzione di collagene, elastina e del tessuto adiposo che fanno apparire la pelle meno tonica e più disidratata. L’effetto di queste variazioni ormonali appare particolarmente evidente, inoltre, nella variazione dello spessore cutaneo che appare quindi ridotto, come se si fosse “invecchiati improvvisamente”.

Può capitare, inoltre, che la pelle oltre ad apparire più sensibile e più secca, appaia più ricca di imperfezioni come i brufoli, la cui comparsa è da ricercare nella produzione di testosterone che rimane costante e che non è più controbilanciata dalla produzione di estrogeni. In questo caso, infatti, il testosterone regola, tra le altre cose, anche la produzione di sebo, condizione che fa comparire brufoli, acne ed altre imperfezioni.

I RIMEDI

A volte si cede il passo alla convinzione che in menopausa non si possa più avere una bella pelle e che quindi ci si debba rassegnare ed abituare al suo nuovo aspetto.In realtà, la consapevolezza di quali siano le cause di questi cambiamenti non può che essere utile nella protezione e gestione della stessa.

In questo caso, oltre a ricordarvi di idratarvi adeguatamente, di utilizzare detergenti delicati e prodotti cosmetici specifici e di mantenere uno stile di vita sano, vi consigliamo di scegliere una crema viso da utilizzare in menopausa che sia in grado di tenere conto delle necessità specifiche di questo cambiamento.

Vi consigliamo, inoltre, di optare per una protezione cutanea diurna dallo stress ossidativo e per una rigenerazione cellulare notturna che vada a nutrire e rinfrescare la pelle.Infine, non dimenticatevi di proteggere la vostra pelle dai raggi UV che, come sapete già, sono dannosi sempre e ancor di più durante la menopausa poiché accelerano la comparsa di segni e rughe.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Pelle in menopausa: come cambia e perché proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento