Scontri all’autogrill, Piantedosi: “Per i tifosi di Roma e Napoli stop alle trasferte per due mesi”
14 Gennaio 2023
L’inno dell’Urss durante l’elezione del segretario della Cgil di Bologna: è polemica
14 Gennaio 2023

Partita la corsa per le Regionali del Lazio: 19 liste e sei candidati a presidente

ROMA – Al via la corsa per le regionali del Lazio. Sono sei in tutto i candidati alla presidenza, in calo dai nove della precedente tornata del 2018, quando a vincere di un soffio fu Nicola Zingaretti.

REGIONALI LAZIO, CANDIDATI A PRESIDENTE

In campo ci sono Alessio D’Amato (centrosinistra), Francesco Rocca (centrodestra), Donatella Bianchi (M5S), Rosa Rinaldi (Unione Popolare), Fabrizio Pignalberi (Quarto Polo e Insieme per il Lazio) e Sonia Pecorilli (Partito Comunista Itperliano), questi ultimi due arrivati sul filo di lana prima del termine ultimo fissato a oggi alle 12.

REGIONALI LAZIO, QUANDO E COME SI VOTA

Le elezioni si svolgeranno domenica 12 febbraio, con seggi aperti dalle 7 alle 23, e lunedì 13, quando si potrà votare dalle dalle 7 alle 15. Sulla scheda i cittadini sono chiamati a scegliere il nuovo presidente della Regione Lazio e i nomi dei nuovi 50 consiglieri regionali. È ammesso il voto disgiunto. In tutto sono state depositate 19 liste.

REGIONALI LAZIO, LE 19 LISTE

A sostegno di D’Amato sono sette: Pd, Psi, Azione e Italia viva (Terzo polo), Demos, +Europa Radicali e Volt, Verdi sinistra e Possibile, Lista Civica D’Amato presidente. Con Rocca ci sono sei liste: Fratelli D’Italia, Lega, Forza Italia, Noi Moderati e Rinascimento, Unione di Centro, e Lista Civica per Rocca Presidente. Donatella Bianchi è sostenuta dal Movimento 5 Stelle e dal Polo Progressista. Sonia Pecorilli è la candidata per il Partito Comunista Italiano. Fabrizio Pignalberi invece è sostenuto da Quarto Polo e Insieme per il Lazio. Rosa Rinaldi è in campo per Unione Popolare di Luigi De Magistris.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it continua a leggere sul sito di riferimento