Peste suina, il ‘lockdown dei boschi’ preoccupa la Liguria: “Una follia per il turismo”
14 Gennaio 2022
Gualtieri: “Riduzione delle tariffe per la scuola, sotto i 5.000 euro Isee piena gratuità”
14 Gennaio 2022

Odori nauseabondi e sfiaccolate al Centro Oli Eni di Viggiano in Basilicata

POTENZA – Odori nauseabondi e fumo “imponente” da uno dei termodistruttori. È quanto si sarebbe verificato al Centro Oli di Viggiano nella serata di ieri 13 gennaio, secondo quanto denunciato dall’Osservatorio popolare della Val d’Agri.Il fumo sarebbe “continuato nel corso della serata e di parte della notte, accompagnato da sfiaccolate che hanno illuminato una tranquilla notte di paura”. L’Osservatorio denuncia come nessun dato Arpab sia stato pubblico al momento rispetto all’evento di ieri sera: “Cosa è successo al Cova e perché – gli interrogativi nella nota – le autorità stanno in silenzio? La recente inaugurazione in pompa magna della sede locale di Arpab a Viggiano doveva metterci al riparo da inadempienze e ritardi comunicativi, ma a quanto pare sembra che tutto scorra come sempre, come di norma”. L’episodio di ieri sarebbe il “124esimo non incidente osservato negli ultimi 10 anni”, segnala ancora il coordinamento di cittadini della Val d’Agri.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Odori nauseabondi e sfiaccolate al Centro Oli Eni di Viggiano in Basilicata proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento