Tg Politico Parlamentare, edizione del 9 giugno 2021
9 Giugno 2021
Sognando le vacanze… ma dove vai se il ‘Green Pass Ue’ non ce l’hai?
9 Giugno 2021

Meno reddito e realizzazione, l’ombra della crisi sul futuro dei giovani

ROMA –  Affacciarsi sul mercato del lavoro per la prima volta in tempi di pandemia e crisi economica non sarà un’esperienza semplice per tanti giovani. Perché la storia ci racconta che ogni recessione economica produce uno ‘svantaggio di partenza’ per chi comincia una carriera, che può caratterizzare gli anni decisivi di un percorso professionale impattando sul reddito e sull’opportunità di trovare un mestiere gratificante. “Purtroppo, la ricerca finora non è di buon auspicio per la ‘generazione Corona’, che sta entrando nel mercato del lavoro durante la pandemia” spiega alla Dire la professoressa Lea Cassar, docente di Economia all’Università di Ratisbona.

“L’epidemia e la recessione che questa ha innescato- spiega Cassar- plasmeranno la generazione che sta entrando nella forza lavoro, e probabilmente per il resto della loro vita. Ma come, esattamente? Da economista, ho esaminato cosa succede ai giovani adulti che entrano nel mercato del lavoro durante le crisi economiche. In una recessione, le prospettive di lavoro a volte si deteriorano drammaticamente, non importa quanto determinati, abili e ben preparati siano i candidati. E i giovani che entrano nel mercato del lavoro sono particolarmente vulnerabili. Questo è dimostrato da studi empirici con dati di diversi Paesi industrializzati. Coloro che accettano un lavoro per la prima volta durante una crisi economica ricevono in media un reddito annuale significativamente più basso. Si stima un calo dal 10 al 15 per cento. Questa perdita di reddito dovrebbe durare per circa 10-15 anni. E l’effetto sembra essere più forte per i lavoratori meno qualificati”.

 – L’impatto sarà esclusivamente di carattere economico?

“Se le persone entrano nella forza lavoro in un momento di crisi economica- dice Cassar- le conseguenze vanno ben oltre il piano finanziario. Secondo i dati, le condizioni sfavorevoli all’inizio della carriera tendono a portare a un deterioramento della salute e dell’autostima, la probabilità di divorzio aumenta, la fertilità delle donne diminuisce e la mortalità nella mezza età aumenta. Quindi, coloro che entreranno nella forza lavoro nel 2020 e 2021 probabilmente subiranno perdite persistenti in molti settori a causa dell’impatto negativo della pandemia sull’economia. Queste perdite possono essere esacerbate dai potenziali effetti negativi diretti della chiusura delle scuole e delle restrizioni di contatto sul benessere psicologico e sociale delle giovani generazioni e sulla loro capacità di costruire quello che noi in economia chiamiamo capitale umano”.

– È un campanello d’allarme per chi oggi è chiamato a fare delle scelte che avranno effetti per i prossimi decenni?

“Sarebbe importante- afferma l’economista- che i politici nelle prossime legislature prendessero queste perdite insidiose per le giovani generazioni tanto seriamente quanto i rischi per la salute. Inoltre, se la vita lavorativa inizia con una crisi economica, può anche condizionare quali valori diventano importanti nel proprio lavoro. Per esempio, in uno studio di prossima pubblicazione, io e i miei coautori scopriamo che ciò che le persone apprezzano nel loro posto di lavoro varia sistematicamente con le condizioni economiche che hanno vissuto tra i 18 e i 25 anni. Tuttavia, nella direzione opposta a quella che alcuni potrebbero pensare: sebbene si sentano spesso storie di persone che hanno rinunciato ai loro ben pagati lavori nel settore privato durante la pandemia in favore di un lavoro più significativo che contribuisce meglio al bene comune, il nostro studio dimostra che le crisi economiche danno origine a gruppi di lavoratori che danno una priorità maggiore al reddito. Quando l’economia va a gonfie vele, d’altra parte, crescono generazioni che danno più valore al significato e all’appagamento nel loro lavoro per il resto della loro vita”.

– Come si spiega questo risultato?

“Questo- risponde la docente di Economia all’Università di Ratisbona- può essere spiegato da un semplice principio economico: trovare un significato nel proprio lavoro è un lusso che ci si deve permettere. Quindi in tempi di crisi, quando i redditi sono bassi, la domanda di ‘lavori appaganti’ (come, per esempio, quelli ad alto impatto sociale) è bassa. Quando i tempi sono buoni e i redditi sono alti, la domanda è alta. Inoltre, la psicologia sostiene che gli anni tra i 18 e i 25 anni sono particolarmente importanti per la formazione di preferenze, credenze e atteggiamenti. Si formano durante questi anni e cambiano poco in seguito. Questo parla ai risultati del nostro studio secondo cui la pandemia sta producendo una forza lavoro giovane che darà più priorità alle ricompense finanziarie rispetto al significato e al valore sociale per il resto della loro carriera”.

– Ci sono anche cambiamenti che riguardano la percezione della società da parte dell’individuo?

“Un esempio- dice Cassar- sono gli atteggiamenti verso il fenomeno dell’immigrazione, che sono influenzati dal vivere una crisi economica in giovane età adulta. Come mostra un recente studio, le persone che crescono in condizioni economiche difficili sono più propense a credere che i datori di lavoro dovrebbero dare la preferenza ai cittadini nativi rispetto agli immigrati quando il lavoro è scarso. I risultati sono più pronunciati tra i lavoratori poco qualificati nei paesi ricchi, un gruppo che probabilmente compete maggiormente con gli immigrati per i posti di lavoro e i trasferimenti governativi. Questo non dovrebbe sorprendere: è semplicemente molto più facile difendere il bene comune in un mondo di abbondanza. Naturalmente, è necessario fare riferimento a questi dati con cautela, perché tutti gli studi menzionati sono basati su crisi economiche precedenti”.

– Quando si potrà fare una reale valutazione delle conseguenze di questa crisi?

“Probabilmente dovremo aspettare almeno dieci anni per valutare adeguatamente l’impatto dell’ingresso nel mercato del lavoro durante la pandemia sui valori, il benessere e il reddito dei giovani. Ogni crisi economica ha i suoi punti in comune e le sue differenze. Tuttavia, la crisi economica causata dall’epidemia è un’altra molto particolare. Anche a causa delle restrizioni di contatto e delle chiusure delle scuole che colpiscono particolarmente le giovani generazioni” conclude alla Dire la professoressa Lea Cassar, docente di Economia all’Università di Ratisbona.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Meno reddito e realizzazione, l’ombra della crisi sul futuro dei giovani proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento