Gkn, l’azienda apre al confronto da Confindustria. Fiom: “Impensabile”
27 Settembre 2021
Dal ministero della Salute via libera alla terza dose per anziani, Rsa e sanitari
27 Settembre 2021

Mafie, a Milano bruciata la targa a Lea Garofalo. Pd: “Siamo più forti dei vili”

MILANO – “L’impegno a difendere la legalità e a combattere la mafia sarà sempre più forte di ogni riprovevole e vile atto di vandalizzazione”. Così la segretaria metropolitana del Pd Milano, Silvia Roggiani, in merito all’ennesimo sfregio a Lea Garofalo, la cui targa in piazza Prealpi, dove la testimone di giustizia fu torturata e uccisa, è stata nuovamente bruciata.

“Una vergogna senza fine- prosegue Roggiani- di chi vorrebbe annientare il ricordo di una donna coraggiosa che osò sfidare la ‘ndrangheta”. Tuttavia, “nessuno potrà mai scalfire la memoria di Lea Garofalo- osserva la segretaria metropolitana dem- un esempio e un modello a cui la nostra città e le giovani generazioni guardano.”

Intanto, Anpi e Libera comunicano che il 3 ottobre saranno in piazza Prealpi per sostituire la targa vandalizzata con una definitiva lastra in pietra, al loro fianco ci sarà anche la candidata presidente del Pd per municipio 8 di Milano, Giulia Pelucchi. “A questi atti vili risponderemo sempre a testa alta e alla luce del sole- sottolinea la candidata democratica- metteremo una nuova targa, come abbiamo già fatto e terremo vivo il ricordo di Lea, donna coraggiosa ed esempio per tutti e tutte noi.”

Anche Paolo Limonta ed Elena Lattuada, capilista di Milano Unita, condannano il gesto vandalico contro la memoria della testimone di giustizia: “una cosa inaccettabile,- affermano- continueremo a vigilare sulla panchina rossa dedicata a Lea Garofalo.”

Lea Garofalo fu ammessa al programma di protezione testimoni nel 2002, dopo aver accusato il marito e il cognato, Carlo e Giuseppe Cosco, per l’omicidio del fratello, Floriano Garofalo. Attirata a Milano dall’ex compagno per discutere del futuro di loro figlia, Lea venne uccisa in piazza Prealpi il 24 novembre 2009 e il suo corpo, una volta trasportato a Monza, venne dato alle fiamme nel tentativo di occultare le prove del delitto.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Mafie, a Milano bruciata la targa a Lea Garofalo. Pd: “Siamo più forti dei vili” proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento