Decreto sostegni bis, Comma2: “No alla liberalizzazione dei contratti a termine”
9 Luglio 2021
Infermieri nel Pnrr, Fnopi chiede “massima attenzione”
9 Luglio 2021

Linciato un cittadino italiano in Honduras: i vicini lo accusavano dell’omicidio di un senzatetto

(Foto presa dal web)

ROMA – Un cittadino italiano residente in Honduras, Giorgio Scanu, è morto a seguito delle ferite riportate in un linciaggio perpetrato da abitanti del suo quartiere nella cittadina di Santa Ana di Yusguare, nel dipartimento meridionale di Choluteca: lo hanno riferito media locali concordanti.

Secondo il quotidiano El Heraldo, i vicini del cittadino italiano hanno fatto irruzione nella sua casa dopo la morte di un senzatetto della zona, identificato in un uomo chiamato Juan de Dios, che sarebbe stata ucciso da Scanu la scorsa settimana per una disputa causata dalla recisione di un albero del suo giardino. Secondo quanto trapelato alla testata honduregna, Scanu, che già in passato avrebbe avuto liti per questioni simili, si sarebbe sbarazzato del corpo dell’uomo ucciso lasciandolo in un parco della cittadina.

I giornali honduregni hanno rilanciato alcune foto che mostrano Scanu a terra ferito, mentre dei poliziotti impediscono ad altre persone di entrare nella sua abitazione. Il cittadino italiano sarebbe anche stato preso a sassate da alcuni abitanti del quartiere, parte di una folla di circa 600 persone. Secondo fonti delle forze dell’ordine rilanciati dall’El Heraldo, non sarebbe stato possibile impedire l’assassinio Scanu, al quale è stata anche data alle fiamme l’auto, perché gli autori del linciaggio non hanno voluto “sentire ragione”.

LEGGI ANCHE: Haiti, 4 sospettati dell’assassinio del presidente Moïse uccisi dalle forze dell’ordine
]]

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Linciato un cittadino italiano in Honduras: i vicini lo accusavano dell’omicidio di un senzatetto proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento