Sanità, presentato Sociotechlab: tecnologia e medicina al servizio dei cittadini
10 Maggio 2022
Ciocchetti: “Il centro ha fallito, spazio ai conservatori”
10 Maggio 2022

“Le faremo sapere”, ma stavolta è per dare una mano ai giovani

BOLOGNA – Si chiama “Le faremo sapere” ed è il ciclo di incontri dedicato al rapporto tra giovani e mondo del lavoro promosso dai volontari del Servizio civile nelle sedi di Confcooperative in Emilia-Romagna. Un titolo che riprende la classica frase spesso ripetuta in maniera sbrigativa al termine di tanti colloqui di lavoro, preludio di momenti di delusione e amarezza per i ragazzi alla ricerca di un percorso professionale e formativo. E così, per promuovere un confronto che metta al centro le loro esigenze, i volontari del Servizio civile di Confcooperative hanno ideato un format aperto e itinerante, rivolto ai giovani tra i 18 e i 30 anni, che farà tappa lungo la Via Emilia nei prossimi tre giovedì.

Si parte dopodomani, giovedì 12 maggio, alle 17.30 a Reggio Emilia (alla Polveriera, in piazzale Oscar Romero 1/G) per poi proseguire la settimana successiva, cioè giovedì 19 maggio e sempre alle 17.30, con la seconda tappa a Bologna alle Serre dei Giardini Margherita, nella sede della cooperativa Kilowat. L’ultimo incontro è in programma giovedì 26 maggio alle 17.30 a Piacenza, nella sede della cooperativa sociale Geocart in via degli Spinoni 1/A.

UNO SPAZIO DI DIALOGO

“Siamo partiti dal bisogno di creare uno spazio di dialogo in cui parlarci e aiutarci a vicenda su problemi e necessità che condividiamo- spiegano i cinque giovani volontari del Servizio Civile di Confcooperative in Emilia-Romagna- durante il nostro anno di servizio, che si avvia verso la conclusione, abbiamo potuto osservare come i valori che caratterizzano i Millenials e la Generazione Z, di cui facciamo parte, siano ampiamente compatibili con i valori del mondo cooperativo come inclusione, solidarietà, mutualità, collaborazione e sostenibilità. Siamo convinti che la cooperazione rappresenti un modello imprenditoriale che può attirare molti nostri coetanei, ma occorre favorire l’incontro tra queste due realtà. Noi giovani siamo spesso disorientati quando ci affacciamo al mondo del lavoro, oltre che delusi e demotivati all’ennesima risposta in stile ‘le faremo sapere’ che ci viene fornita”. E allora, “vogliamo farci sentire, trovare punti di ascolto ed essere aiutati ad affrontare le grandi sfide che ci aspettano”.

Ai tre incontri parteciperanno anche i rappresentanti dei giovani imprenditori di Confcooperative Emilia Romagna, che racconteranno come hanno trovato risposte alle domande sul futuro e sul lavoro proprio attraverso il modello dell’impresa cooperativa declinato in vari settori produttivi e dei servizi. Inoltre, ad ogni incontro sarà presente un esperto che aiuterà i ragazzi a stimolare la riflessione e a dialogare con loro su soluzioni e opportunità. “Le faremo sapere” è un’iniziativa realizzata in collaborazione con Confcooperative Emilia Romagna e le Confcooperative Bologna, Reggio Emilia, Piacenza, Ferrara e Modena.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo “Le faremo sapere”, ma stavolta è per dare una mano ai giovani proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento