Il negoziatore capo ucraino: “Stop ai colloqui con la Russia dopo la scoperta dei crimini”
9 Maggio 2022
Tg Sanità, edizione del 9 maggio 2022
9 Maggio 2022

La vedova di Marco Biagi: “Imperdonabile chi gli tolse la scorta”

ROMA – “È imperdonabile, questo non lo avevo scritto, ma lo dico. È imperdonabile”. Così Marina Orlandi, in aula alla Camera, durante la cerimonia a Montecitorio in occasione della Giornata in memoria delle vittime del terrorismo e delle stragi alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. La vedova di Marco Biagi, con un fuori programma a braccio rispetto al testo scritto del suo discorso, si riferisce al fatto che al marito, ucciso dalle Nuove Brigate Rosse a Bologna il 19 marzo 2002, fu tolta la scorta nonostante non fossero ancora stati identificati i terroristi che avevano assassinato Massimo D’Antona.

Leggendo il suo testo, la vedova del giuslavorista ricorda con commozione la vicenda e l’opera del marito, consulente di diversi Governi per la riforma del lavoro. La Orlandi ha sottolineato: “Proprio nel momento in cui si sentiva più in pericolo e temeva per la vita” gli fu tolta la scorta. “La risposta di chi stava ai vertici delle istituzioni e che avrebbe dovuto proteggerlo fu che non esisteva il pericolo delle Brigate rosse – ha aggiunto -. Questo è imperdonabile, non lo avevo scritto nel discorso, ma è imperdonabile”. Alla fine dell’intervento lungo applauso dell’emiciclo per la vedova Biagi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo La vedova di Marco Biagi: “Imperdonabile chi gli tolse la scorta” proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento