Giornalisti e politici filo-russi, il Copasir smentisce la lista di proscrizione
6 Giugno 2022
Tg Politico Parlamentare, edizione del 6 giugno 2022
6 Giugno 2022

La Russia dice sì alla Turchia per un “corridoio del grano” da Odessa

ROMA – È stato raggiunto un accordo preliminare tra la Russia e la Turchia per un “corridoio del grano”, che consentirà alle navi di lasciare il porto di Odessa attraverso il Mar Nero e raggiungere i mercati internazionali. L’intesa giunge a tre giorni dalla visita del ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov ad Ankara, atteso dalle autorità turche per discutere del blocco che il Cremlino ha imposto all’export di grano ucraino da oltre tre mesi.

LEGGI ANCHE: Giletti sviene a Mosca, gli amici italiani del fascista Putin protestano

Come si apprende dalla stampa internazionale, “nelle acque territoriali del Paese vicino, le forze militari turche assumeranno l’incarico di sminare” le acque attraverso cui le navi cargo passeranno, nonché “scortare le navi stesse fino alle acque neutrali”. L’annuncio arriva alla vigilia della Giornata internazionale per la sicurezza alimentare, iniziativa promossa dalla Fao e dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) che sarà celebrata con una conferenza alle 11 con gli interventi dei direttori generali delle due organizzazioni Onu, Qu Dongyu e Tedros Adhanom Ghebreyesus.

LEGGI ANCHE: Sistemi missilistici da Londra, esplosioni a Mykolaiv

Eventi che sottolineano l’impatto che la guerra russo-ucraina sta avendo sull’accesso al cibo a livello mondiale. Come denuncia da mesi il Programma alimentare mondiale (Pam/Wfp), se la pandemia ha vanificato molti dei traguardi raggiunti negli ultimi vent’anni nella lotta alla fame, portando a 276 milioni la quota di persone che non hanno accesso al cibo, il conflitto ucraino sta peggiorando la situazione, aggiungendo a tale cifra altre 46 milioni di persone.

LEGGI ANCHE: La Farnesina convoca l’ambasciatore russo Razov: “Respingiamo le accuse di amoralità di istituzioni e media”

I combattimenti in Ucraina da un lato e le sanzioni che i Paesi occidentali hanno imposto sulla Russia dall’altro hanno infatti determinato un drastico stop alla produzione e all’export di grano, facendo impennare i prezzi dei prodotti di base e mettendo in seria difficoltà le nazioni più dipendenti dal grano russo e ucraino, che in parte coincidono proprio con quelle economicamente più arretrate.

LEGGI ANCHE: Ucraina, Di Maio: “Nei media italiani la Russia è l’aggressore, giusto così”

Così, l’aggressione russa all’Ucraina non resta confinata all’emergenza umanitaria ucraina né al contenzioso diplomatico con l’Occidente, ma tira in ballo la sicurezza alimentare mondiale, con i belligeranti che si scambiano accuse su attacchi ai silos carichi di grano. Le società statunitense Maxar Technologies nei giorni scorsi ha invece catturato delle immagini satellitari che dimostrerebbero che Mosca a fine maggio ha venduto alle autorità siriane oltre 30mila tonnellate di grano ucraino “rubato”.

LEGGI ANCHE: Caos a ‘Non è l’Arena’: Giletti a Mosca ha un malore, Sallusti attacca il Cremlino

Mentre da Kiev denunciano il furto di 500mila tonnellate di materia prima, anche l’intelligence americana conferma questa pratica e fa sapere che Washington ha avvisato in via ufficiale 14 Paesi di non accettare grano trasportato da navi russe. Si tratta per lo più di Paesi africani, che si troveranno così a dover fare i conti con un dilemma: rimanere leali verso gli Stati membri Nato oppure cogliere l’opportunità di alleviare l’enorme domanda interna di pane e farina. La situazione è così grave che il presidente di turno dell’Unione africana Macky Sall ha chiesto di togliere qualche sanzione alla Russia per far ripartire il commercio.
]]

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it>

L’articolo La Russia dice sì alla Turchia per un “corridoio del grano” da Odessa proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento