Uno stabilimento balneare in affitto e in tasca il reddito di cittadinanza: denunciato
24 Novembre 2021
Dalle birre al trekking, in Colombia le imprese di pace sono 3289
24 Novembre 2021

La lotta delle donne per l’autodeterminazione: storie dall’Afghanistan

di Fabrizia Ferrazzoli e Alessandra Fabbretti

ROMA – ‘Apriamo gli occhi all’esistenza’ può essere un’affermazione, un invito, uno spunto di riflessione dal sapore universale. Con questa esortazione però domenica pomeriggio il RIFF, Rome Independent Film Festival, ha voluto accendere i riflettori sul genere femminile. Protagonista assoluta al Nuovo Cinema Aquila che ospita la rassegna è stata la regista afghana Sahraa Karimi, presente in streaming per raccontare la sua storia e il suo vissuto alla platea. ‘Hava, Maryam & Aisha’ è la sua opera prima nell’ambito del lungometraggio, un lavoro uscito nel 2019 e proiettato nella sala romana insieme a due cortometraggi scritti e ideati da studenti del liceo e vincitori del contest lanciato da D.i.Re ‘IO POSSO! Uscire dalla violenza: il potere di generare libertà per sé, per tutte’. Anche grazie al lavoro dei giovani cineasti, ‘Giù la testa’ degli studenti Lorenzo Vitrone e Elena D’Ugo della Scuola d’Arte Cinematografica Gian Maria Volonté di Roma, e ‘La storia è donna’ degli allievi del Liceo scienze umane Chini Michelangelo di Lido di Camaiore, la riflessione ha valicato i confini afghani e fatto il giro del mondo, passando per l’Italia e arrivando per esempio in Africa o in India. Al film è infatti seguito il dibattito con le ospiti Patrizia Conte Del Ninno (membro della consulta Estero Ugl e Presidente Ong Ciscos presso Onu), Cristiana Scoppa (ufficio stampa D.i.Re), Anna Agus (responsabile raccolta fondi di Terre des Hommes), Romina Nicoletti (CEO and Founder M.Ro Business Cooperation & Innovation Center) e Enrica Onorati (assessora alle Pari opportunità della Regione Lazio) moderate dalla giornalista Roberta De Vito.

Sahraa Karimi nel suo ‘Hava, Maryam & Aisha’ racconta la storia di tre donne diverse per ‘status’ e condizioni di vita ma uguali per un retaggio culturale e sociale che subiscono inesorabilmente. Lo scenario è quello di Kabul, la denuncia, evidentemente, è a quel patriarcato che anche prima del governo Talebano resisteva, nonostante qualche spiraglio di emancipazione cui potevano tendere donne, ragazze e bambine. La regista (classe 1985) proviene dalla seconda generazione di rifugiati afghani in Iran ed è dopo aver recitato in due film iraniani che ha deciso di studiare cinema in Slovacchia per laurearsi in regia. A Kabul è tornata per raccontare la sua gente attraverso documentari prima e poi con i film. Non è un caso sia diventata la prima presidente donna dell’Afghan Film Organization: “Per questo ruolo vengo continuamente criticata per quello che dico e addirittura per come mi vesto- ha raccontato alla platea in sala Sahraa Karimi-  La verità però è che anche prima dell’arrivo dei talebani per una donna non era facile fare l’attrice o la regista: veniva considerata automaticamente immorale. Ora invece è vietato, ecco perché attrici e registe sono dovute scappare dal Paese. Il cliché vede la donna afghana come una vittima. La storia di Hava, Maryam & Aisha- spiega ancora la regista- dimostra però che è possibile decidere, che c’è una libertà di scelta. Agli occhi degli uomini la donna deve essere certamente madre e ‘schiava’. Le giovani afghane mi scrivono, per loro sono una speranza, ma ho anche delle nemiche, le più adulte non vogliono che si accendano i riflettori su alcuni tematiche”.

Ma alle parole di Sahraa Karimi, che sono quelle dedicate al suo ‘popolo’, fanno eco per esempio quelle di Anna Agus (Terre des Hommes) che al pubblico ha raccontato come in India e in Africa i matrimoni forzati siano ancora all’ordine del giorno e quanto sia importante per le giovani donne avere dei ‘rifugi’ e dei centri dove possano essere accolte e indirizzate verso una nuova vita. A caricare il racconto sui destini delle giovani donne del mondo è intervenuta anche Cristiana Scoppa della rete D.i.Re con storie di violenza tutte italiane. “Nel 2014 nel Lazio avevamo 8 centri antiviolenza e 8 case rifugio, oggi nel 2021 abbiamo 28 centri antiviolenza e 12 case rifugio- afferma l’assessora Onorati della Regione Lazio- nel 2022 implementeremo ancora di più questi servizi, per permettere alle donne di rinascere all’interno di un mondo fatto di sicurezza, autodeterminazione, formazione, cura, ripartenza e ripresa”. Viene da dire allora che tutto il mondo è Paese e che ‘aprire gli occhi all’esistenza’ resta tra le urgenze più importanti di sempre.

LA RIFUGIATA AFGHANA: “HO LASCIATO TUTTO MA RITORNERÒ”

“Mi sono laureata in medicina a Kabul, lavoravo già in ospedale ed ero felice, nutrivo grandi speranze per il futuro. Tutti ne avevamo, anche per le future generazioni. Poi in Afghanistan i talebani hanno ripreso il potere ed è finito tutto. Ma so che non sarà così per sempre: spero di poter tornare il prima possibile e riprendere ad aiutare le persone”.

Fatima è una rifugiata afghana giunta da poche settimane in Italia, accolta in uno dei tanti centri gestiti nel nostro Paese dall’organizzazione Differenza donna, specializzata nel contrasto alla violenza di genere. Alla vigilia della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, la storia di questa rifugiata è emblematica dei pericoli a cui le donne sono esposte in Afghanistan, a partire dal suo nome, Fatima, che è inventato: rivelare la vera identità potrebbe far correre dei rischi a lei e a chi ha lasciato in Afghanistan. “Le persone rimaste nel mio Paese sono in grave pericolo, soprattutto le donne” denuncia Fatima all’agenzia Dire, ricordando che i miliziani prendono di mira in particolare coloro che lavoravano o rappresentavano più di tutti il cambiamento sociale. Fatima rientra in tutte queste categorie: non solo era un medico e un’insegnante, ma grazie alla collaborazione con altre colleghe era responsabile di una piccola associazione che prestava assistenza ai profughi afghani appena giunti a Kabul da tutto il Paese. “L’abbiamo creata all’inizio della scorsa estate- continua la dottoressa- perché dopo la partenza delle forze Nato, le violenze sono aumentate e in molti hanno dovuto lasciare le proprie case”. Il 15 agosto poi, i talebano hanno preso la capitale e occupato i palazzi del potere, sancendo la fine della Repubblica e l’avvento dell’Emirato islamico. Subito i miliziani hanno imposto severe restrizioni alle libertà personali, e molti divieti hanno colpito le donne, a cui ora è vietato studiare o lavorare, mentre alcune attiviste sono state uccise o sono costrette a vivere nascoste.

Fatima fisicamente è incolume ma ha subito l’ingiustizia di perdere prima la continua a leggere sul sito di riferimento