Tg Politico Parlamentare, edizione del 15 dicembre 2021
15 Dicembre 2021
Covid, 23.195 casi e 129 morti. È il dato più alto della quarta ondata
15 Dicembre 2021

Il messaggio della preside agli studenti: “Serve dialogare, non occupare”

ROMA – “Docenti e dirigenti sono i primi a condividere le motivazioni delle proteste portate avanti dagli studenti, ma quello che cerchiamo di dirgli è che la via dell’occupazione non porta a nulla. La storia ci dice che i risultati vengono dal dialogo”. Cristina Costarelli, presidente dell’Associazione nazionale presidi (Anp) del Lazio, commenta così all’agenzia di stampa Dire l’ondata di occupazioni che sta attraversando Roma. Sono più di 40, ormai, gli istituti occupati nella Capitale dall’inizio dell’anno scolastico, un numero che non si registrava dagli anni delle proteste per la ‘Buona scuola’.

LEGGI ANCHE: Continua la protesta degli studenti a Roma: occupati altri cinque licei

I giovani chiedono più fondi per l’Istruzione, una scuola più aperta, inclusiva e al passo con i tempi, e una diversa gestione degli orari di ingresso scaglionati. “Vogliamo dire ai ragazzi che condividiamo le loro motivazioni: anche noi conosciamo bene i problemi legati all’edilizia, agli spazi e ai fondi per la scuola, ma se vogliamo costruire una scuola diversa, dobbiamo farlo insieme – spiega Costarelli – nei loro comunicati scrivono sempre che la loro protesta non è contro la scuola ma contro i vertici. Eppure è la scuola a risentirne, e siamo noi dirigenti a dover gestire poi gli effetti dell’occupazione. Riconosciamo le loro rivendicazioni, ma dopo queste proteste cosa abbiamo risolto? Avremmo solo fatto altri giorni di didattica a distanza e speso soldi per sanificare e rimettere in ordine la scuola, soldi che avremmo potuto spendere in altro modo”.

LEGGI ANCHE: Dopo l’ondata di occupazioni gli studenti di Roma tornano in piazza venerdì 17 dicembre

Tuttavia la scelta di privilegiare l’occupazione rispetto ad altre forme di protesta nasce anche dal riscontro mediatico delle azioni studentesche. “Ma lo spazio mediatico potremmo trovarlo insieme – continua la presidente di Anp Lazio e preside del liceo ‘Newton’, occupato un paio di settimane fa e disoccupato dopo tre giorni – bisogna chiedersi quali risultati effettivi possano esserci dopo qualche giorno di occupazione”.

La soluzione, per la dirigente, è l’incontro e il dialogo con gli studenti e con le istituzioni, anche sui temi che riguardano la gestione delle misure anti-Covid. “Come Anp ci siamo esposti anche noi contro gli orari scaglionati, e all’interno del nostro istituto abbiamo introdotto la ricreazione all’esterno, poi interrotta a causa dell’aumento dei contagi. Ma facendo l’occupazione non possiamo sbloccare le misure sanitarie. Ai giovani chiediamo più ragionevolezza”.

E anche sul tema di una didattica diversa, Costarelli è d’accordo solo in parte con gli studenti. “Non è vero che non è stato fatto nulla e che l’esperienza della Dad è passata in secondo piano- ha spiegato- Da quando la scuola è ripresa abbiamo organizzato tante attività, dal Piano estate ai percorsi di recupero per i giovani rimasti indietro. Stiamo facendo molti sforzi, forse si poteva fare di più, ma abbiamo fatto tanto”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Il messaggio della preside agli studenti: “Serve dialogare, non occupare” proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento