Oggi sono 21.190 i nuovi casi di Covid-19, i decessi sono 46
21 Settembre 2022
Biden: “Russia spudorata, guerra brutale e insensata”
21 Settembre 2022

Gullotta (Memorial): “In Russia torna la piazza che dice no alla guerra”

ROMA – “Le proteste sono convocate in decine di città, da Mosca e San Pietroburgo fino in Siberia; vedremo come andrà, anche perché chi era stato fermato in piazza nei mesi scorsi rischia il carcere in caso di terza infrazione”: a parlare con l’agenzia è Andrea Gullotta, direttore di Memorial Italia, associazione che si richiama all’omonima ong nata in Russia nel 1989.

CONTRO LA MOBILITAZIONE ANNUNCIATA DAL PRESIDENTE PUTIN

Appelli a manifestare dopo l’annuncio del presidente Vladimir Putin di una “mobilitazione parziale” a supporto dell’impegno militare in Ucraina con l’invio di nuovi contingenti, sono stati diffusi su Telegram e altri social network. Invitano alla protesta il movimento Vesna, in italiano “primavera”, o gli attivisti di Populyarnaya Politika, che sul loro canale Youtube hanno anche promesso “aiuto e assistenza” a chi dovesse scendere in strada.

РуÑ�лан Левиев в нашем Ñ�фире. Говорим о реальноÑ�ти мобилизации:💬 «Ð¡Ñ€Ð¾ÐºÐ¾Ð² не названо. За 2 меÑ�Ñ�ца 300 Ñ‚Ñ‹Ñ�Ñ�ч — нереальнаÑ� цифра. ЕÑ�ли говорить о том, чтобы мобилизовать 300 Ñ‚Ñ‹Ñ�Ñ�ч за полгода или больше, то вполне реально».âš¡ï¸�ПодключайтеÑ�ÑŒ: https://t.co/r849yFGd9v pic.twitter.com/O4tSk5Pl3d— ПопулÑ�рнаÑ� политика (@politica_media) September 21, 2022

(Il dibattito sulla “mobilitazione parziale” in diretta su Populyarnaya Politika)

Da Murmansk al confine con la Norvegia fino ad Astrakan sul mar Caspio o a Perm sugli Urali, l’appuntamento è per le 19, ora locale.

I RISCHI DI CONSEGUENZE PENALI

Memorial, nata pochi mesi prima della caduta del Muro di Berlino con un impegno di studio e tutela dei diritti umani, è stata chiusa con provvedimento giudiziario nel 2021, prima dell’inizio dell’offensiva russa in Ucraina del febbraio scorso. A livello internazionale, però, l’associazione continua a operare. Tra i suoi impegni, come Centro per i diritti umani, anche con il contributo di attivisti italiani, la tutela della libertà di esprimersi e di manifestare.”E’ stato predisposto un vademecum per i dimostranti con le indicazioni di tutto ciò che è indispensabile portare con sé” riferisce Gullotta: “Dal telefono carico alle power bank, dal passaporto alle scorte d’acqua”.Secondo il direttore di Memorial Italia, studioso di storia dei gulag, i campi di prigionia del periodo sovietico, i numeri e le partecipazioni nelle piazze non sono affatto scontati. “Bisognerà vedere quante persone sfileranno e poi anche di chi si tratterà” avverte Gullotta. “L’ordinamento russo prevede che alla terza sanzione amministrativa scattino la denuncia penale e la detenzione”.

SCELTE DELL’EUROPA CHE COLPISCONO I DISSIDENTI

A preoccupare sono però anche scelte europee. Gullotta cita lo stop alla concessione dei visti ai cittadini russi decisa dall’Ue nel quadro delle sanzioni contro Mosca. “I divieti indiscriminati non vanno” avverte il direttore di Memorial Italia. “Non dobbiamo costringere a vivere in una situazione di precarietà e incertezza quei dissidenti che invece potrebbero avere un ruolo decisivo per costruire la Russia di domani; sono tante le persone che in questi mesi hanno lasciato il loro Paese in segno di protesta per ciò che stava accadendo in Ucraina”.
]]

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Gullotta (Memorial): “In Russia torna la piazza che dice no alla guerra” proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento