Dodi Battaglia ricoverato al “San Pio” di Castellaneta ringrazia i medici dopo le dimissioni
16 Agosto 2022
Crisanti corre col Pd, dal Covid alla politica la carriera del microbiologo
16 Agosto 2022

Elezioni, Cirinnà ci ripensa: “Da Letta uno schiaffo, ma combatto lo stesso”

ROMA – “Ho passato una notte terribile, un film già visto come quando fece le liste Renzi nel 2018”. Così Monica Cirinnà, senatrice Pd, nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Madama, attacca il partito nazionale per il posto in lista che le è stato riservato. Si aspettava di essere capolista al Senato nel proporzionale, invece finisce nel collegio uninominale Lazio 4.

LEGGI ANCHE: Letta presenta le liste, polemiche nel Pd. C’è Crisanti, fuori Lotti. Cirinnà è un caso

Letta punta sui giovani: ecco chi sono i quattro capilista under 35

“La direzione del Pd aveva votato dei criteri per le candidature: forte radicamento nei territori, nessun paracadutato dal nazionale, no pluricandidature, merito”, ricorda. “Questi criteri sono perfettamente applicabili alla mia persona, alla mia storia politica e al mio territorio, dopo 21 anni in consiglio comunale a Roma. Ebbene, questi quattro criteri sulla mia persona sono stati negati”, sottolinea Cirinnà.

“Mi è stato tolto il seggio di capolista al Senato nella lista proporzionale, non sono stata valorizzata per le mie competenze, essendo capo dipartimento diritti del Pd”. Cirinnà, con la voce rotta dalla commozione, prosegue nel suo sfogo: “Il partito regionale del Lazio aveva votato una proposta: Astorre capolista nel proporzionale Lazio 2, Cirinnà capolista nel proporzionale Roma, Ciampino e Fiumicino. Questa proposta è stata portata al nazionale dal territorio, ed era valida fino a 48 ore fa. Poi al mio posto è stata preferita un’altra persona (Cecilia D’Elia, ndr)”.

È stato “uno schiaffo candidarmi in un collegio difficile, senza paracadute e senza dirmelo. Il collegio al Senato uninominale Roma 4 contiene dei territori per i quali io non sono adatta, forse anche per gli argomenti di cui mi occupo, che per qualcuno sono marginali, risibili, nonostante sia stato sventagliato che nel programma del Pd la priorità sono i diritti”.

Nonostante “l’offesa”, perché “i collegi migliori di Roma centro sono stati dati a persone alleate che non sono del Pd”, annuncia Cirinnà, “ho deciso di non rifiutare la candidatura nella fossa dei leoni, un collegio difficile e perdente. In tanti mi hanno chiesto di ripensarci e allora combatterò questa battaglia come l’ultimo dei gladiatori. È l’unico modo per non sottrarmi alle responsabilità verso le persone”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Elezioni, Cirinnà ci ripensa: “Da Letta uno schiaffo, ma combatto lo stesso” proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento